Oltre 10 mld di euro di beni confiscati alla Camorra

In particolare, chiediamo il superamento degli ostacoli normativi che prevedono un doppio binario nella destinazione di beni ed aziende». Il totale ammonterebbe a 10 mld di euro e potrebbero servire come rilancio per la micro-imprenditoria e risorse da destinare allo sviluppo del Sud. L’intervento del direttore è avvenuto al Viminale, durante la proiezione del cortometraggio ‘Fiori dal cemento’, in memoria di Alberto Varone, imprenditore ucciso dalla camorra nel 1991 a Sessa Aurunca (Caserta), realizzato dai giovani di San Damiano d’Asti. E il Prefetto ha aggiunto: «Noi abbiamo in gestione aziende dal valore anche di un milione di euro, che però sono già decotte quando finiscono nelle nostre mani. La legge prevede che le dobbiamo vendere, affittare o liquidare, non possiamo darle ai Comuni. Accade poi che alcune aziende funzionino quando sono in mano ai clan che pagano in nero e non versano i contributi, mentre vanno in difficoltà se passano ad imprenditori che rispettano le leggi”. C’è bisogno perciò di una disciplina in grado di regolare la gestione futura dei beni, in vista di obiettivi credibili di sviluppo economico sociale per queste aree depresse e sfruttate dalla criminalità organizzata.

Vuoi commentare l'articolo?

Eva Del Bufalo

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->