News – La “zingarata” di Visalli: la scultura abusiva nel cuore di Roma

 

A sollevare la curiosa questione è stata la testata online Artribune, dubbiosa di fronte alla concessione di una cornice così significativa ad un artista decisamente poco conosciuto. Il tam tam sul web ha fatto il resto, ed in poche ore l’opera è stata sequestrata. Era dalla notte del 24 novembre che Place de la Concorde, variopinto omaggio alle geometrie di Piet Mondrian, svettava indisturbata nell’antico circo romano sotto gli occhi di cittadini, turisti, sindaco e rispettiva giunta. “Ridevamo tutti, sembrava una scena di Amici miei di Monicelli” scherza la curatrice dell’artista Valeria Arnaldi, ricordando il momento dell’installazione, con tanto di traffico deviato e segnaletica. “Non è una trovata pubblicitaria ma un vero e proprio esperimento e, soprattutto, una denuncia. Testare l’attenzione dell’Amministrazione comunale sulla città in generale, e sull’arte in particolare”

Perché nessuno se n’è accorto? “Forse proprio perché Roma è una citta’ straordinariamente ricca di arte e cultura: e può capitare di passare di fronte a un’opera senza chiedersi il perché della collocazione. Vorrei cogliere l’aspetto positivo della provocazione, che è in qualche modo una forma di street art. La accoglieremo come capita anche con altre provocazioni, magari più accese” ha dichiarato l’assessore alla cultura capitolina Flavia Barca, decisamente più imbarazzata del capo dei vigili Raffaele Clemente che su twitter ha scritto “Stiamo rimuovendo il monolite bifronte. Speriamo che Mondrian condivida...”

 

Vuoi commentare l'articolo?

Eva Elisabetta Zuccari

Per lavoro e per passione racconto storie. Dalle esistenze straordinarie di persone comuni ai "pancini sospetti" del Gossip. Giornalista in divenire, classe 1989, curiosa. Spio tutto e tutti: voi non sapete chi sono io, ma io potrei già sapere chi siete voi.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->