Libertà di stampa: per RsF l’Italia migliora, ma nel mondo non è mai stata cosi a rischio

LIBERTÀ DI STAMPA A RISCHIO – Secondo il rapporto 2017 dell’organizzazione “Reporters sans Frontieres” la libertà di stampa nel mondo non è mai stata cosi a rischio. La situazione viene definita “molto grave” o “difficile” in ben 72 paesi, tra i quali spiccano la Russia di Putin, la Cina, buona parte del Medio Oriente, l’India, parte del Sud America e due terzi di Africa. Una situazione davvero poco incoraggiante, che diventa ancora peggiore in tre paesi in particolare, l’Egitto, il Bahrein e la Turchia, dove la libertà di stampa è ai minimi storici. Fanalino di coda, anche in questa classifica la Corea del Nord, già al centro della scena internazionale per i continui screzi con l’amministrazione Trump. Proprio il presidente americano, insieme a eventi come la Brexit è citato tra i fattori di rischio per la libertà di stampa mondiale, in quella che viene definita una vera e propria deriva di post-verità, disinformazione e era della fake news.

LA SITUAZIONE IN ITALIA – Le cose sembrano andare meglio in Italia, che passa dal suo rinomato 77esimo posto al 52esimo, guadagnando ben 25 posizioni. Sull’innalzamento del rating giova l’assoluzione di alcuni giornalisti, tra i quali quelli coinvolti nel caso “Vatileaks“. RsF mette in ogni caso in guardia il Bel Paese dagli atavici problemi che lo riguardano, come i giornalisti sotto protezione pèr via delle minacce di gruppi criminali o della Mafia. Nel rapporto c’è anche un riferimento ai continui attacchi alla stampa nostrana da parte di gruppi politici, con una citazione per Beppe Grillo e il Movimento 5 Stelle, che ha portato un velenoso strascico di polemiche. Proprio il Movimento ha da sempre usato il 77esimo posto nella libertà di stampa come “arma dialettica” per sottolineare le collusioni tra stampa e malapolitica, e oggi, quasi per assurdo, si trova a esserne corresponsabile. Le parole di Grillo non si sono fatte attendere, e il leader ha commentato cosi: “Oggi ho scoperto di essere io la causa del problema di libertà di stampa in Italia. Lo afferma il rapporto di Reporters Sans Frontieres appena pubblicato. Mi ha aperto gli occhi“. Chiosando con ironia: “la colpa è mia“.

libertà di stampa
Vai alla home page di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Mauro.Zini14

Vuoi commentare l'articolo?

Mauro Zini

Coach di basket, aspirante giornalista sportivo, laureando in comunicazione pubblica e d'impresa, sarebbe fantastico saper fare almeno una di queste cose. Appassionato di libri, cinema e serie TV, praticamente un Nerd da quando non era di moda esserlo.