Finale scudetto: Milano vicina al titolo

Prova di forza dell’Olimpia Milano che, in gara 5 della finale scudetto, riscatta le due sconfitte subite a Reggio Emilia e si porta a una sola vittoria dal tricolore. Partita che si decide quasi del tutto nel primo quarto con Milano che parte forte, guidata da uno scatenato Alessandro Gentile, e dopo meno di 4′ è già avanti 10 a 3. Purtroppo per Reggio la furia dell’EA7 non si placa e il primo quarto si chiude sul 29-8 per la squadra di casa. In avvio di secondo periodo gli ospiti provano ad aumentare la pressione difensiva, cercando nella difesa a zona una soluzione alla serata di grazia dei ragazzi di coach Repesa ma, dopo essere rientrati a -13, subiscono l’ennesimo parziale e la gara va al riposo lungo sul 52-31 per Milano.

Nella ripresa la Grissin Bon sembra riuscire a cambiare l’inerzia del match, con Milano che forse commette l’errore di dare la pratica per chiusa troppo presto, e grazie a un’ottima intensità difensiva rientra prima a -11 dopo una tripla di Della Valle e  poi, sospinta da Aradori e De Nicolao, arriva fino al -9. Proprio quando il risultato sembra tornare in bilico, Simon prima e LaFayette poi, con due pesantissimi canestri da tre punti, riportano Milano a +15, tagliando di fatto le gambe ai giocatori di coach Menetti che lasciano andare definitivamente la partita. Milano, davanti a un Forum completamente esaurito, si impone 97-73, con 16 punti e 8 rimbalzi di Kalnietis e 14+8 di Simon. Per Reggio da registrare i 14 punti di Aradori e il 10+9 di Polonara.

Già da lunedì sera, in gara 6 al PalaBigi, l’EA7 potrà conquistare il secondo titolo nelle ultime tre stagioni, dopo quello vinto nel 2014 contro Siena. A Reggio Emilia serve invece un’impresa, con due vittorie obbligate, per cercare di non perdere la seconda finale scudetto consecutiva dopo quella dello scorso anno contro Sassari.

Vai alla home page di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Mauro.Zini14

Vuoi commentare l'articolo?

Mauro Zini

Coach di basket, aspirante giornalista sportivo, laureando in comunicazione pubblica e d'impresa, sarebbe fantastico saper fare almeno una di queste cose. Appassionato di libri, cinema e serie TV, praticamente un Nerd da quando non era di moda esserlo.