Europa nel terrore: la mappa degli attentati

L’escalation di attentati che si sono verificati nell’ultimo anno sta sprofondando l’Europa nel terrore. Solo nell’ultimo anno il bilancio dei morti è di 245 e di centinaia di feriti. A questo triste conto vanno aggiunte le vittime degli attentati al

One Love Manchester

In this Sunday, June 4, 2017, handout photo provided by Dave Hogan for One Love Manchester, singer Ariana Grande, onstage in white, performs at the One Love Manchester tribute concert in Manchester, north western England, Sunday, June 4, 2017. One Love Manchester is raising money for those affected by the bombing at the end of Ariana Grande’s concert in Manchester on May 22, 2017. (Dave Hogan via AP)

Bataclan di Parigi, quelle di Charlie Hebdo (entrambi del 2015) e le vittime degli attacchi alla metro di Londra (2005) e Madrid (2004). Il computo sale a 634 morti.

Sono numeri da guerra. In questa mappa abbiamo cercato di ricostruire la triste cronistoria degli attentati che nell’ultimo anno hanno lasciato l’Europa nel terrore. Da Bruxelles a Nizza, da Istanbul a Manchester si ripetono e si approfondiscono le modalità e gli effetti sono sempre simili. La guerra che stiamo vivendo influenza direttamente le nostre vite di ogni giorno. Basti pensare al panico incontrollato di Torino quando la paura ha provocato 1500 feriti.

Ma una guerra si combatte sempre su due fronti. Le notizie delle vittime civili provocate dalle bombe occidentali sono più complicate da recuperare ma è evidente che sarebbe da ipocriti nasconderle. Siamo in guerra, questo è certo. Una guerra nuova, che siamo totalmente impreparati a fronteggiare. Una guerra senza un vero nemico ma che comunque esiste e ha l’obiettivo di gettare l’Europa nel terrore. L’auspicio è che questa mappa resti così e che non debba essere aggiornata ma i fatti recenti fanno temere il peggio.

Twitter:@g_gezzi

Vai alla Homepage di Lineadiretta24.it

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Giulio Gezzi

Laureato in Storia e memoria delle culture europee presso l'Università di Macerata. Da sempre interessato alla politica e alla storia contemporanea almeno tanto quanto alle serie tv, al cinema e al calcio. La ricerca dell'autonomia è quello che mi ha guidato fin'ora.