Diploma in 4 anni: al via la sperimentazione nel 2018

Nel 2018 sarà possibile ottenere il diploma in 4 anni, anziché in 5: sul sito del Miur è stato pubblicato l’elenco degli istituti superiori ammessi alla sperimentazione.

Il bando per passare al diploma in 4 anni era stato emanato ad ottobre e si rivolgeva a licei e istituti tecnici, per cui sono state presentate poco meno di 200 richieste, di cui solo 100 sono state ammesse e così distribuite: 33 al Sud, 44 al Nord, 23 al Centro; 75 i licei, 25 gli istituti tecnici. Mentre per le restanti 92 richieste pervenute il Ministero fa sapere di voler fare appello al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione per ottenere un ampliamento del numero di sperimentazioni previste. “Con il bando emanato a ottobre abbiamo deciso di imprimere una svolta. Di consentire una sperimentazione su grandi numeri, con una maggiore diffusione territoriale, nell’ottica di dare pari opportunità alle ragazze e ai ragazzi di tutto il Paese, e una maggiore varietà di indirizzi di studio coinvolti. Tutto questo per fare in modo che, alla fine del quadriennio, si abbiano esperienze misurabili e valutabili davvero, secondo parametri condivisi e lavorando attraverso comitati scientifici nazionali e territoriali. Si avranno dossier approfonditi su cui poi tutti gli attori coinvolti potranno aprire il dibattito sul destino dei percorsi quadriennali”, ha dichiarato la ministra Valeria Fedeli in una nota pubblicata sul sito del Miur.

“I percorsi quadriennali non nascono oggi, sono il frutto di un dibattito che va avanti da tempo e di una riforma scritta nel 2000 quando era Ministro Luigi Berlinguer. Quella riforma non è mai stata attuata, ma nel 2013 una commissione istituita dal Ministro Francesco Profumo ha ripreso il tema dei percorsi quadriennali. Successivamente la Ministra Maria Chiara Carrozza ha dato il via libera alle prime sperimentazioni”, ha sottolineato ancora la Fedeli. Le iscrizioni saranno possibili a partire dal 16 gennaio; i percorsi partiranno con l’anno scolastico 2018/2019.

 

Vai alla homepage di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
Twitter: @ludovicapal

Vuoi commentare l'articolo?

Ludovica Pallotta