Addio a Cesare Maldini, bandiera del Milan

Addio a Cesare Maldini, 84 anni, difensore e bandiera del Milan, ex commissario tecnico della nazionale e dell’Under 21. Nato a Trieste nel 1932 milita nel Milan dal 1954 al 1966, vincendo il 22 maggio del 1963 allo stadio di Wembley di Londra la prima coppa dei Campioni conquistata dal Milan e dal calcio italiano contro il Banfica di Eusebio. Maldini ha poi disputato 14 partite in nazionale di cui due nel famoso mondiale del 1962. Terminata la carriera da giocatore, Cesare inizia quella di tecnico. Da allenatore Maldini porta il Parma dalla C1 alla B, diventa vice di Nereo Rocco al Milan e infine vice ct di Enzo Bearzot nel favoloso mondiale del 1982. Sei anni dopo inizierà la sua esperienza a capo della nazionale Under 21 portandola alla vittoria per tre anni consecutivi; mentre nel 1991 guida la nazionale italiana ai mondiali in Francia perdendo ai quarti proprio contro la nazionale francese che poi vincerà il titolo. Dopo l’esperienza francese, Cesare Maldini, diventa capo coordinatore degli osservatori del Milan e occupa la panchina rossonera come direttore tecnico di Tassotti e Terim. Torna ai mondiali come ct del Paraguay in Corea del Sud e Giappone nel 2002 ma esce agli ottavi di finale contro la Germania e decide di dimettersi. Tra le altre cose che hanno reso Cesare Maldini famoso, una tra queste, è sicuramente l’imitazione fattagli da Teo Teocoli, milanista e amico di famiglia. Parodia che Maldini accetterà senza batter ciglio intervenendo solo una volta in pubblico per placare l’ironia dell’attore. Cesare Maldini è stato, infine, campione anche negli affetti soprattutto nei panni di nonno. Infatti entrambi i nipoti Christian e Daniel Maldini vestono la maglia del Milan e militano nelle giovanili. Cesare Maldini li ha sempre seguiti con discrezione senza mai sottolineare la storia di famiglia. I funerali si terranno Martedì 5 aprile nella Basilica di Sant’ambrogio a Milano.

Cesare Maldini

@FedericaGubinel

Vuoi commentare l'articolo?

Federica Gubinelli