Ucciso forse per debiti

Per il momento si esclude la pista della criminalità organizzata. L’ex custode e usciere dell’ufficio comunale del municipio di Tor Sapienza era una persona distinta, era da pochi mesi in pensione, aveva solo un piccolo precedente per spaccio di droga. Alcuni testimoni affermano di aver visto un’ombra fuggire, altro elemento che fa pensare a un omicidio premeditato e calcolato, quello avvenuto in Viale Morandi, e che non sia stata una lite estemporanea. L’unica traccia lasciata dal killer è il proiettile, calibro 7,65. Da anni D’Andria era separato dalla moglie, dalla quale aveva avuto una figlia, e ora viveva con l’anziana madre a Viale Morandi. Un’altra morte difficile da spiegare, senza un effettivo movente e senza soprattutto elementi sufficienti per arrivare al colpevole o al mandante di questa terribile esecuzione, fatta così freddamente. Come sta succedendo recentemente per altri casi di omicidio, l’aggiunta di alcuni elementi fondamentali per spiegare le dinamiche dell’accaduto chiarirebbe il mistero di una morte così improvvisa, un testimone chiave che può risolvere la vicenda.

di Cristina Battioli

Vuoi commentare l'articolo?

admin

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->