Save the children: il 18% dei ragazzi italiani si ferma alle medie

L’unica differenza sta nel fatto che, in molti casi, la ragione non è la mancanza di volontà (a cui si riferisce il leitmotiv dei professori) ma la pochezza delle opportunità che vengono offerte ai giovani. Questo è il tema trattato nel rapporto di Save the Children, “Atlante dell’infanzia (a rischio)”, presentato il 4 dicembre a Roma. Disconnessione con la società e con la cultura, impossibilità di accedere ai più elementari mezzi d’informazione, dispersione sociale e scolastica, mancanza di strutture adeguate: i parametri che descrivono la situazione italiana – soprattutto per quanto riguarda il Sud del Paese – presentano una condizione scoraggiante e lontanissima dal raggiungimento degli obiettivi europei. Eppure i nostri ragazzi sono statisticamente più intelligenti dei coetanei delle nazioni dell’U.E.

I dati del rapporto, però, evidenziano che il 18% del totale dei giovani tra i 18 e i 24 anni non si sono mai iscritti alle scuole superiori. Ma le cifre non s’interessano della semplice scolarizzazione: andando più a fondo nelle varie sfere sociali, evidenziano che oltre 300mila ragazzi sotto i 18 anni non hanno mai praticato alcuno sport, non hanno mai letto un libro, consultato un’enciclopedia, utilizzato un computer o visto un film al cinema. L’accesso alla rete Internet, ad esempio, è relegato a due terzi di loro: il 33% non ha possibilità di connettersi, per mancanza di mezzi e copertura. La situazione peggiora scendendo in Calabria, Sicilia, Puglia e Campania: qui oltre un milione e 620mila ragazzi fa parte della categoria dei Neet (“Not in education, employment, or training“) e quindi non frequenta alcuna scuola o università e non ha un lavoro. È a proposito di questa tipologia di giovani che l’Italia è stata definita come il Paese con il più alto tasso di “scoraggiamento” delle nuove generazioni: in un caso su tre, infatti, si verifica una vera e propria rinuncia alla ricerca di un’occupazione.

I dati in questione, però, sono totalmente scissi rispetto alla qualità dei giovani italiani: è stato rilevato in loro un alto tasso di adattabilità, grandi capacità nel superare condizioni avverse e nel conseguire risultati scolatici più che nella media. Ciò che manca è la possibilità di applicare la loro curiosità, la loro voglia di imparare, presso strutture che li formino e che siano dotate di strumenti necessari alla loro crescita. Una soluzione è stata proposta da Save the Children: meno telefoni cellulari (l’unica cosa che non manca ai ragazzi italiani) e più libri, magari a prezzi agevolati. Questa l’unica via di fuga dalla condizione vorticosa che non potrà che peggiorare, creando una classe di adulti totalmente “scollati” dalla società, dalla politica, dalla cultura.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Alessandra Corsini

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->