Sulle spalle del gorilla, al Teatro Testaccio una commedia irresistibile

Cosa hanno in comune tre giovani coinquilini che oltre all’appartamento sembrano condividere davvero poco altro? Semplice: l’incombenza dell’affitto, un dramma che si ripresenta puntuale mese dopo mese, capace di trasformare in un incubo persino un’operazione di routine come controllare la posta. Scritto e interpretato da Flavio Moscatelli, Luca Latino Ezio PassacantilliSulle spalle del gorilla è uno spettacolo teatrale vivace ed esilarante che affronta un problema serissimo: la precarietà della vita ai tempi in cui un lavoro fisso o la possibilità di trasformare i propri sogni in una carriera restano per lo più un abbaglio. Tema recentemente abusato al cinema quanto a teatro, la crisi economica e sociale diventa qui uno spunto per dar vita ad uno spettacolo dalla verve comica irresistibile, che grazie alla bravura dei suoi interpreti e all’efficacia del testo riesce a non cedere mai a facili luoghi comuni sull’argomento.

Tre personaggi diversissimi, ma incredibilmente esilaranti: c’è Flavio, giovane musicista che tenta di guadagnarsi quella credibilità professionale che più spesso è scambiata per un semplice passatempo; Luca, infermiere tirocinante costretto a lavorare gratis e infine Ezio, pittoresco individuo proveniente da un paesino della Ciociaria dove apparentemente vige ancora il codice cavalleresco e i torti vengono risolti in duello. Messi alle strette da mesi di arretrati e da una notifica di sfratto esecutivo, i tre proveranno così a riparare alla sgradevole situazione con imprese sempre più surreali e farsesche. Di necessità virtù è il detto che sembra applicarsi meglio al trio di sfortunati protagonisti, capaci di mettere in campo soluzioni tanto creative quanto rocambolesche per tenere a bada questa calamità a ricorrenza mensile. Non potendo contare su un impiego stabile (o anche solo pagato) i tre affronteranno così, nell’ordine: la realizzazione di un cortometraggio per un concorso a premi cinematografico – con esiti naturalmente disastrosi – un tentativo maldestro di sequestro di persona e infine un inaspettato colpo di fortuna che sembra, apparentemente, risolvere la situazione.

Non si può non amare la tenacia di Luca, Flavio ed Ezio nel volersi tenere stretta la loro vita nel loro appartamento, così come non si può non apprezzare la bravura dei tre interpreti, perfettamente assortiti e totalmente in sintonia sul palco. Sulle spalle del gorilla è una commedia riuscitissima che riesce a coinvolgere dall’inizio alla fine, costruita su un testo capace di far ridere con poco ma senza mai scadere nel banale; efficace nelle idee tanto quanto nel ritmo: lo spettacolo è un crescendo di ilarità orchestrato alla perfezione e trainato da un trio che sorprende per l’assoluto affiatamento dei suoi componenti. In scena al Teatro Testaccio fino al prossimo 17 aprileSulle spalle del gorilla assicura un’ora e mezza di puro divertimento; un invito, tra le righe, a sopravvivere in modo creativo e con il sorriso alle piccole (e grandi) disavventure della quotidianità.

 

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @JoelleVanDyne_

Vuoi commentare l'articolo?

Viola D'Elia

Nata 27 anni fa, ha vissuto a Roma, Istanbul e in India. Sempre pronta a fare le valigie, sogna di vedere ogni angolo di mondo. Oltre a coltivare ambizioni alla Jules Verne, i suoi interessi includono accumulare libri, la musica e il cinema. E’ capace di commuoversi ogni volta che rivede Hugo Cabret; ama scrivere e fare domande, ma non riceverne. Specialmente di lunedì mattina. Crede fermamente nella filosofia di Big Fish: «Tenuto in un piccolo vaso il pesce rosso rimarrà piccolo, in uno spazio maggiore esso raddoppia, triplica o quadruplica la sua grandezza».