La nuova stagione del Teatro della Cometa

È stata presentata lo scorso 28 maggio la 30esima stagione del Teatro della Cometa, infatti proprio con la stagione 2015/2016 si avviano i festeggiamenti delle nozze di perla per questo piccolo teatro. “In questi anni su questo palcoscenico si sono visti attori ed autori noti e meno noti. Di questi ultimi mi sento di dire che proprio in questo Teatro hanno avuto la consacrazione della notorietà verso il grosso pubblico, uscendo così dal circuito dei piccoli teatri, da dove è doveroso dire che sono uscite tutte le novità di testi e di artisti, che si sono definitivamente affermati e che fanno parte del teatro attuale in Italia. Gestire un teatro di piccole dimensioni come questo è un’impresa difficile e purtroppo anche priva di soddisfazioni economiche” afferma Giorgio Barattolo, gestore del teatro, e continua “Oggi la crisi ha duramente colpito tutti i settori e particolarmente questo che è il più debole dal punto di vista economico e finanziario. Ciò nonostante attori, autori, impresari si sforzano di continuare in mezzo a mille intralci burocratici e non. Ma la vera forza del teatro è il pubblico! La mia vera soddisfazione è quando vedo una platea piena di spettatori partecipi ed emozionati da ciò che avviene sul palcoscenico. Finché ci sarà un pubblico che vorrà uscire di casa ed assistere alla magia di una sipario che si apre ebbene il Teatro resterà immortale!”.

Le 13 produzioni in scena a partire dal 1° ottobre, partiranno con la coppia Paolo Villaggio e Pino Strabioli che non anticipano nulla riguardo allo spettacolo, ma con una battuta si limitano a dire: “Non c’è nulla da ridere, non c’è nulla di serio, non è uno spettacolo, è soltanto una truffa, ma venite a vederci, lo facciamo per soldi, ormai siamo poveri, abbiate pietà”. Dal 22 Ottobre al 8 novembre con Francesco Montanari protagonista di Cattivi ragazzi di Veruska Rossi e Guido Governale. Si prosegue dal 12 al 29 novembre Mister Green di Jeff Baron con Massimo de Francovich e Maximilian Nisi con la regia di Piergiorgio Piccoli, lo spettacolo è una commedia che parla di fedeltà, di sentimenti e di tolleranza. Dal 2 al 20 dicembre Parzialmente stremate di Giulia Ricciardi con Beatrice Fazi, Federica Cifola, Giulia Ricciardi e Barbara Begala, con la regia Michele La Ginestra. Dal 26 dicembre 2015 al 10 gennaio 2016 Antonio Grosso, Ciro Scalere, Antonello Pascale, Federica Carruba Toscano, accompagneranno le vacanze natalizie e ci introdurranno al nuovo anno con Vicini di stalla di Antonio Grosso e Francesco Stella per la regia di Ninni Bruschetta. Dal 14 al 31 gennaio Vita, morte e miracoli di Lorenzo Gioielli per la regia di Riccardo Scarafoni con Francesco Venditti, Veruska Rossi, Fabrizio Sabatucci, Riccardo Scarafoni. Lo spettacolo racconta di chi, come noi, fa del suo meglio per essere felice. Dal 4 al 14 febbraio Pino Insegno e i Baraonna accompagneranno il pubblico della cometa in un meraviglioso viaggio nel tempo con Buonasera Buonasera di Claudio Insegno. In una città qualsiasi, in un appartamento qualsiasi, in una notte qualsiasi, oggi: un uomo davanti al suo piccolo televisore, sta navigando annoiato attraverso i vari programmi, all’improvviso come per magia viene catapultato all’interno dello stesso. Inizia così un viaggio attraverso il mondo caotico degli anni 60-70 e 80, i suoi miti, le canzoni, gli sceneggiati, il cinema. Dal 3 al 20 marzo andrà in scena Il peccato erotico con e di Gennaro Cannavacciuolo. Dal 7 al 17 aprile Francesco Pannofino sarà il protagonista di Blue Tooth di Gianni Clementi per la regia di Claudio Boccaccini. Un’inarrestabile Francesco Pannofino alle prese con una conversazione continuamente interrotta piena di spunti irresistibilmente comici e così terribilmente veri. Dal 21 aprile al 8 maggio sarà il turno di Michele La Ginestra con il suo spettacolo Mi hanno rimasto solo. Il gran finale di stagione è affidato a Marco Zadra, che sarà interprete, autore e regista di Karma Letale. Marco Zadra, figlio d’arte del pianista argentino Fausto Zadra e di Marie Louise Bastyns, anche lei pianista di fama internazionale, dopo aver scritto numerosi testi a carattere esistenziale senza mai prendersi troppo sul serio, questa volta si presenta al pubblico sotto forma di spirito. Con questa performance si conclude la stagione del Teatro della Cometa, che quest’anno presenta una rassegna ricca di spettacoli intelligenti e divertenti.

Vuoi commentare l'articolo?

Arianna Arete Martorelli

Nasce a Roma lo stesso giorno di Francesco Facchinetti, che coincide casualmente con la data di morte di Leonardo da Vinci. Dopo il primo vero colloquio della sua vita, nell’ottobre 2013 diventa redattrice della sezione cultura e spettacolo per Lineadiretta24.it tra un articolo e un altro, nel tempo libero, si interessa di molte cose: cinema, teatro, fotografia, musica… concretamente gira, vede gente, si muove, conosce, fa cose. Dopo la laurea vorrebbe partire alla volta di New York per intervistare David Letterman. Spera di non dover mai scendere a compromessi meschini, odia bere l’acqua dalle tazze e i “no” a prescindere, crede fermamente che comunque, in fin dei conti, il destino ha sempre più fantasia di noi.