Emilio Greco: Roma celebra il maestro del ‘900

Leggendo la biografia del maestro catanese sembra di tornare indietro nei secoli, precisamente alle vite dei più illustri scultori di un tempo, da Nicola Pisano a Donatello a Michelangelo. Come nella migliore tradizione, infatti, la sua attività si giostra tra committenze sacre e profane, seminando sul territorio alcune delle sculture simbolo della sua epoca, il pieno ‘900. Sua è la deliziosa scultura Pinocchio e la Fata, in esposizione permanente dal 1956 nel paese di Collodi, sue le porte bronzee del Duomo di Orvieto, finalmente forgiate per la facciata gotica dopo secoli di controversie. Le sue opere figurano nei principali musei del mondo, tra cui l’ Hermitage di San Pietroburgo e il Pushkin di Mosca. Il Museo di Hakone in Giappone gli ha dedicato una zona chiamata Greco Garden. Roma ospita in San Pietro da ormai trent’anni il suo Monumento a Papa Giovanni XXIII e oggi intende celebrare il maestro con due esposizioni contemporanee. Dal 16 ottobre al 12 gennaio nove sculture monumentali di Greco ed una selezione di circa trenta disegni saranno ospitati a Palazzo Braschi, mentre i Musei di San Salvatore in Lauro accoglieranno alcune delle incisioni più significative della sua carriera. L’evento è promosso dall’ Assessorato alla Cultura di Roma Capitale e la curatela è di Roberta Cremoncini e Federica Pirani. {ads1} Io ho fermato quest’istante della tua bellezza“, scriveva Greco in una delle sue poesie, mentre con un’ascendenza tutta classica bloccava nel bronzo le azioni e le emozioni di atleti, donne e uomini qualunque. L’eleganza sta nel togliere e la cifra stilistica di Greco sta nell’eleganza, nell’essenzialità espressiva con cui in poche linee intreccia due amanti nei suoi Commiati ad acquaforte. In poche curve delinea le Bagnanti e le Donne Accoccolate. Le figure allungano i propri corpi longilinei nella pietra ad esprimere una bellezza tutta novecentesca, di una sinuosità mai eccessivamente prosperosa: allungata, ma morbida, muscolosa ma languida.

Vuoi commentare l'articolo?

Eva Elisabetta Zuccari

Per lavoro e per passione racconto storie. Dalle esistenze straordinarie di persone comuni ai "pancini sospetti" del Gossip. Giornalista in divenire, classe 1989, curiosa. Spio tutto e tutti: voi non sapete chi sono io, ma io potrei già sapere chi siete voi.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->