E dopo Cuori Monolocali è la volta di Appese a un filo

Vagone di un treno, panchina di una strada, camerino di un’attrice di teatro: queste sono le ambientazioni in cui i tre personaggi, tutti interpretati da Maria Antonia Fama, lasciano scorrere i loro pensieri facendo il resoconto delle proprie esperienze sentimentali. Tre donne e tre luoghi completamente diversi non alterano però il fulcro della questione, rappresentato dal continuo tumulto interiore e dalla caparbietà del gentil sesso nel non voler mollare neanche la situazione sentimentale più complicata, e confermano l’adattabilità dei nostri pensieri a qualsiasi situazione. Non è difficile ritrovare un po’ di ognuna di noi, mantenendo ovviamente le dovute distanze imposte dall’elemento dell’esagerazione, presente in ogni manifestazione artistica, nelle tre giovani donne “appese a un filo“. Ce n’è per tutti i gusti: dalla romantica e “paranoica” sul treno che, persa d’amore, fa del cellulare il suo compagno di vita quando quello in carne e ossa non è presente, alla svampita e, forse, anche un po’ “esaurita” ragazza la quale, recatasi con circa tre ore di anticipo all’appuntamento con l’amato, attende e riflette su come la sua storia d’amore, se così si vuole definire, sia paragonabile al rapporto tra una badante e il suo assistito. Infine ci troviamo di fronte a un’attrice, bella, apprezzata e, apparentemente, molto sicura di sé, cosa che ci può far sperare in un riscatto finale nei rapporti con gli uomini, ma che in realtà nasconde, per poi rivelare, il dolore per l’abbandono del suo uomo, il quale è caduto nelle braccia di un’altra.

Nonostante questo spettacolo descriva la dura realtà e sottolinei l’indole masochista di noi donne, i toni sono comunque ironici e divertenti e i monologhi dei personaggi vengono accompagnati da balli e canti perfettamente interpretati dalla protagonista e da Alessandro Somma, il quale inscena le varie valvole di sfogo delle tre donne.
Per non perdere questo realistico, ma molto divertente quadro delle situazioni sentimentali del terzo millennio, è possibile assistere ad Appese a un filo fino al 7 febbraio. Per chi invece non abbia ancora visto Cuori Monolocali, il Teatro Studio Uno propone, nei giorni 8, 9 e 10 febbraio, una nuova messa in scena del punto di vista maschile, con gli stessi due attori del primo insieme a Ermenegildo Marciante.

Vuoi commentare l'articolo?

Ilaria Francesca Petta

Più di là che di qua, nel senso metaforico...ma anche letterale. Classe 1986, nasco sotto il segno dei gemelli, di cui sono una chiara rappresentazione. Senza terra sotto ai piedi, con uno spiccato senso internazionalistico, credo che l'Italia sia un Bel Paese in declino, legato ancora a un glorioso passato. Laureata in lingue e traduzione, mi sono immersa in questa odissea, chiamata giornalismo, a 26 anni..forse tardi, ma assicuro che sto recuperando in pieno. Masterizzata in Comunicazione e Media nelle Relazioni Internazionali girovago come tirocinante, al momento nella Commissione europea a Roma.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->