Al Teatro Golden si ride sulle spalle dello Zio Pino

  • Sceneggiatura

  • Scenografie

  • Cast

Good 4

E’ ormai formula consolidata del Teatro Golden di accogliere sull’anomalo palco quadrato (molto più simile ad un moderno anfiteatro) volti più o meno celebri della televisione. Così come è rafforzativo di questa formula riproporre alchimie di interpreti già consolidate nelle stagioni precedenti, come ad esempio l’accoppiata Euridice Axen e Simone Montedoro, lei pronta a comparire nella fiction mediaset Le tre rose di Eva, lui ormai amato Capitano dei Carabinieri nelle ultime stagioni di Don Matteo.

Nella scorsa stagione del teatro di Via Taranto furono i coniugi protagonisti della commedia Se tornassi indietro, tornano quest’anno in veste di fratello e sorella alle prese con uno zio nostalgico e battagliero, lo Zio Pino appunto. A fare da spalla irriverente ci pensa Stefano Fresi, anche lui ormai di casa al Teatro Golden, nonché protagonista dell’ultimo film di Edoardo Leo Noi e la Giulia.

La commedia (prodotta da Andrea Maia e da Kalitera per il Teatro Golden) in scena fino al 19 aprile, è un testo inedito, scritto da Ennio Speranza, Andrea Tagliacozzo  e Massimo Natale, che cura anche la regia. Trascorsi i primi minuti però si capisce subito di essere davanti a qualcosa di vagamente noto. Riecheggia la tradizione teatrale partenopea, con qualche inserto comico moderno: i nipoti che vivono sulle spalle del povero nonno, l’idea funesta che questo agio potrebbe un giorno finire e…colpo di scena (più che atteso) il nonno muore. Cosa fare? Iniziare a vivere adeguandosi al sistema di casa-lavoro o fingere la solita vita cercando di attingere a quella pensione d’oro ancora per un po’? Per quanto paradossale, la prima idea spaventa più della seconda, ed ecco che i due protagonisti (con il terzo in successiva aggiunta) cercano di rimanere in bilico tra la menzogna e il desiderio di riscatto. I dialoghi però non turbano quanto la prevedibilità della sceneggiatura, e quasi cullano le risate di un pubblico comunque mai generoso. Il ritmo tra i due c’è, la comicità di Stefano Fresi anche, e fino all’intervallo la consapevolezza di un buon testo regna in sala. Il problema però è nella seconda parte, e nel finale stilisticamente “affrettato”: sembra quasi che manchi una parte di storia, o che si voglia arrivare presto ad una conclusione che dovrebbe risvegliare in noi quella voglia di dolcezza talmente forte da perdonare anche lo sfregio di una previdenza sociale auto-imposta e immeritata. Passo falso! I tempi son quelli che sono e vedere l’amore che trionfa sull’INPS è un po’ come commuoversi davanti a Diabolik ed Eva Kant che si baciano mentre ci svaligiano casa. Non può funzionare. Sipario…nella speranza di vedere qualche correzione nella prossima (eventuale) messa in scena.

 

zio pino

Vuoi commentare l'articolo?

Gianluigi Cacciotti