Taste of Roma 2016, la cucina d’autore in versione pop

È finito il tempo delle vacanze. Addio al costume da bagno. Via le infradito. Tutti in macchina pronti a tornare a lavoro. Vi sembra un incubo? Beh,è semplicemente settembre.
Ma per ogni estate che finisce, c’è l’inizio di una nuova stagione culinaria pronta a portare con sé tanto divertimento e, soprattutto, gioie per il palato.  E ad inaugurare la scena “food” romana sta per arrivare Taste of Roma 2016, l’evento enogastronomico (in partnership con Electrolux) giunto alla sua 5a edizione.
Dal 15 al 18 settembre, nei giardini pensili dell’Auditorium Parco  della Musica, andranno in scena quattro giornate all’insegna della buona cucina per osare, sperimentare, assaggiare e condividere tutto ciò che di bello (e soprattutto buono) si incontrerà lungo l’iter.
Ad attendervi tanti gustosissimi piatti d’autore in versione pop: si potranno assaporare le ricette firmate dai migliori chef presenti nel panorama internazionale ad un prezzo alla portata di tutti (dai 5 ai 7 euro, fino ad un massimo di 10 euro per i piatti di punta).
Taste of Roma 2016

Menù Glass Hostaria per Taste of Roma 2016

Il parterre dei ristoranti presenti vi farà leccare i baffi prima ancora di poterlo scoprire da vicino: Glass Hostaria, Tordomatto, Marzapane Roma, Acquolina Hostaria in Roma, Ristorante la Pergola Rome Cavalieri, Metamorfosi Restaurant, Giuda Ballerino – Roof Restaurant Hotel Bernini Bristol, il Convivio, Ristorante Il Tito, Fernanda Osteria, Imagò all’Hassler, Per me e Mirabelle Hotel Splendide Royal.
E a presidiare ciascuna postazione, ovviamente, arriveranno le stelle di queste perle del settore enogastronomico: gli chef. Da Angelo Troiani a Heinz Beck passando per Cristina Bowerman, nessuno sarà escluso, anzi.
C’è chi tra di loro, infatti, non si limiterà a restare dietro ai fornelli, ma sarà protagonista di alcune delle attività targate Taste of Roma 2016: tra le più attese l’Electrolux Chefs’ Secrets (a cura di A Tavola con lo Chef), che, su prenotazione, darà l’opportunità di osservare gli chef più conosciuti d’Italia all’opera grazie a delle dimostrazioni culinarie interattive. E il pubblico, evidentemente affamato non solo di cibo ma anche di nozioni culinarie, non sembra proprio volersi lasciare sfuggire l’opportunità di apprendere consigli, tecniche e suggerimenti preziosi: molti degli appuntamenti sono già sold-out!
Nonostante il grande entusiasmo registrato, nessuno resterà a mani vuote o, per meglio dire, a bocca asciutta: le scuole di cucina, le degustazioni e i laboratori di Taste of Roma 2016 saranno tantissimi!
Tra le novità di quest’anno il DegustiBus, un viaggio gastronomico attorno al mondo insieme ad Heinz Beck: 20 fortunati ospiti potranno assaporare la cucina dello chef pluristellato grazie ad un menù di sei portate (accompagnato da una ricercata selezione di vini) composto da Tartare di ricciola con pesca, cetriolo e caviale Calvisius, Medaglioni di astice marinati allo yuzu e lemongrass su guacamole con macaron di soya, Mare…,Tortellini verdi alla “pappa di pomodoro” con frutti di mare, Lombo di agnello al finocchietto in crosta di cereali con perle di caprino e Sfera ghiacciata ai frutti rossi su crema al tè con lamponi cristallizzati.
Taste of Roma 2016
Novità del 2016 anche la Vip Lounge e il Charity Restaurant, un’aggiunta al parterre dei ristoranti, nato grazie alla collaborazione con Esselunga e al supporto di Coquis Ateneo Italiano della Cucina. Al Charity Restaurant prenderà forma il menù creato dai grandi chef Anthony Genovese, Oliver Glowig, Gianfranco Pascucci e Massimo Viglietti, proposto a prezzi non proibitivi (6 euro a portata e 10 euro per il “quarto piatto”) e l’intero ricavato dalle vendite verrà devoluto in beneficenza.
Non resta altro che lanciarsi in questo parco divertimenti a tema food, pronti per lasciarsi guidare dalle stelle della gastronomia italiana.

 

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Beatrice Gentili

Spettatrice compulsiva di serie tv, dopo aver visto 8 puntate di fila, non capisce più quale sia la finzione e quale la realtà. A breve collega di Freud, ama follemente il cibo e la sua famiglia. La sua valvola di sfogo preferita è il clacson della macchina. I biscotti con l'uvetta che sembrano biscotti al cioccolato sono il motivo principale per cui ha problemi di fiducia.