Juve e Roma in cerca di riscatto e tranquillità

Ormai ci siamo. la nostra Serie A è entrata nel vivo con emozioni incredibili. Tutti si aspettavano la grande Juve e la Roma a rincorrere, invece, la regina di questa prima parte di stagione è proprio l’inaspettata Inter, che si guadagna il palcoscenico non sbagliando nemmeno un colpo.

Era almeno dall’annata del famoso Triplete di Josè Mourinho che non si vedeva un Inter tonica, forte, che a dir la verità non gioca un ottimo calcio, ma è estremamente concreta. Anche se il risultato in queste prime cinque gare è a dir poco straordinario, i nerazzurri devono ancora affrontare il team di fascia medio-alta. Fin’ora l’unica grande incontrata è stato il Milan dell’ex Sinisa Mihajlovic, ma sappiamo bene che il derby è una partita a sé. La sfida della verità arriva in questa sesta giornata: potremo finalmente capire contro la Fiorentina, se la squadra di Mancini ha l’intenzione di lottare per lo scudetto, oppure guadagnare molti punti in avvio di competizione per poi conquistare con facilità l’accesso alla Champions League per la prossima stagione. Però i viola hanno non solo una forte tradizione e tifo, ma in questa stagione, anche grazie al lavoro di Montella nella scorsa annata, si dimostrano una delle squadre con il miglior gioco in assoluto.

Si è trasformata in un incubo la stagione dei campioni d’Italia. Per la Juve Inizia a diventare difficile recuperare tutti quei punti dalla parte alta della classifica, sopratutto tenendo in considerazione la partenza di Pirlo, Vidal e Tevez. Il povero Pogba, che in questo ultimo periodo si è montato la testa con quel numero dieci dietro le spalle, non può far tutto da solo. Il brutto però arriva adesso, nel prossimo incontro il team torinese dovrà affrontare in trasferta il Napoli di Higuain e compagni. Dopo il pareggio contro il Carpi, i campani non vogliono commettere un altro passo falso e ci proveranno sicuramente a fare lo scherzetto alla Juventus.

Dopo la batosta di mercoledì scorso contro la Sampdoria, i giallorossi di Garcia devono riprendere il cammino ed iniziare a conquistare più punti possibili. Nonostante la neo promossa Carpi non sia un team di altissima qualità, la Roma potrebbe avere molte difficoltà, sopratutto pensando alla partita che sarà impostata difensivamente da Castori. Però la squadra capitolina ha solo la vittoria per essere soddisfatta. Non è possibile con l’elevato tasso tecnico dei giallorossi voler vincere il tricolore e mettersi paura di fronte ad un club provinciale e limitato come il Carpi.

Chiude il quartetto delle grandi il Milan. Dopo un ritrova Balotelli, i rossoneri vogliono iniziare a macinare punti per poter trovare le coppe europee in modo più agevolato. In questa giornata la squadra della famiglia Berlusconi dovrà affrontare nell’anticipo di mezzogiorno il Genoa. I milanesi hanno principalmente un problema abbastanza importante: si appoggiano ai loro fuoriclasse, tralasciando completamente il gioco. Sicuramente con questa idea non si arriva da nessuna parte, nemmeno in Europa League.

Calendario 6/a giornata:
Roma – Carpi (26/09/2015 alle ore 18:00)
Napoli – Juventus (26/09/2015 alle ore 20:45)
Genoa – Milan (27/09/2015 alle ore 12:30)
Bologna – Udinese (27/09/2015 alle ore 15:00)
Sassuolo – Chievo (27/09/2015 alle ore 15:00)
Torino – Palermo (27/09/2015 alle ore 15:00)
Verona – Lazio (27/09/2015 alle ore 15:00)
Inter – Fiorentina (27/09/2015 alle ore 20:45)
Frosinone – Empoli (28/09/2015 alle ore 19:00)
Atalanta – Sampdoria (28/09/2015 alle ore 21:00)

Vuoi commentare l'articolo?

Daniele Giacinti