Ragazzi curdi torturati in nome della fede

Quattro adolescenti curdi di Kobane, la città siriana al confine con la Turchia assediata dai miliziani dell’Isis, hanno raccontato a Human Right Watch la terribile storia di una prigionia durata oltre quattro mesi. Circa 250 adolescenti tra i 14 e i 16 anni erano stati rapiti lo scorso 19 maggio ad Aleppo. Le ragazze sono state rilasciate subito, i ragazzi invece a scaglioni nel corso del tempo, non prima di essere stati “formati”. I quattro ragazzi che hanno parlato con Human Right Watch hanno raccontato di essere stati sottoposti a indottrinamento nella scuola di Manbij, di essere stati maltrattati e torturati, anche con cavi elettrici, di essere stati costretti a recitare passi del Corano e a guardare video dell’Is in azione. Le guardie riservavano un trattamento ancora più duro ai giovani provenienti da famiglie legate alle Unità di protezione del popolo (Ypg).

Vuoi commentare l'articolo?

Francesca De Leonardis

Nata a Pescara il 6 Agosto 1986, sono cresciuta a libri e Nutella. Prima di approdare su LineaDiretta24 ho lavorato come reporter per la web tv Uniroma Tv e mi sono innamorata del microfono tanto quanto della penna. Lettrice ossessivo-compulsiva, ho sempre un libro in borsa. Sogno di svegliarmi Katy Perry o analista politica, nel frattempo faccio la giornalista. Non fiori ma mazzi di scarpe.