La Grande Bellezza tradita

 Forse sarebbe almeno avvilito per le vicende degli ultimi tempi, perché raccontandola e rivelandola a tutti, ha rovinato proprio la sua Grande Bellezza, quella che cova sotto le ceneri dell’esistenza. La gente non capisce Jep. Hanno già sporcato la semplice e grande bellezza, la tirano per il vestito, la violentano a più non posso facendo la fila, la riducono a fare la sgualdrina. La Grande Bellezza non cerca la gloria, sottende. Si mostra appena, è timida e intima, non è fatta per essere esibita in modo manifesto, va scorta e intuita, non ostentata come una tigre al guinzaglio. Qualcuno ha rapito la grande bellezza, l’ha esposta nelle televisioni che da decenni ne alimentano la distruzione, l’ha venduta per un obolo inutile e un riconoscimento di cui non ha bisogno, se l’è messa in bocca per profumare un po’ l’alito, l’ha costretta a piegarsi sul cofano di un auto; l’ha leccata, spolpata, graffiata e offesa mentre la celebrava.{ads1}

 

 

La Grande Bellezza trionfa in questo spettacolo come l’amore trionferebbe in uno stupro, piangendo per quello che è diventata e per ciò che le hanno fatto. Perché la Grande Bellezza è al di là delle cose, vorrebbe ispirare solo gli spiriti nobili e le speranze grandiose, sollevare i depressi e gli oppressi, intenerire gli amanti, dare coraggio ai popoli e ai solitari; vorrebbe redimerci e ricordarci una certa idea di umanità, semplice e genuina. Invece è stata gettata in mezzo alle porcate. Giusto Jep?

La Grande Bellezza non si vende né si compra, è stata rapita. Noi faremo di tutto per liberarla.

Vuoi commentare l'articolo?

Aurelio Lentini

Laureato in Scienze Storiche presso L'università Statale degli Studi di Milano, oggi conduce una piccola libreria online, collabora con varie testate online, scrive, e tenta di venire a capo del mondo prima che il mondo venga a capo di lui.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->