Home » Nasce la prima batteria atomica per smartphone: per 50 anni addio ricarica, non avrai più bisogno di attaccarti alla presa

Nasce la prima batteria atomica per smartphone: per 50 anni addio ricarica, non avrai più bisogno di attaccarti alla presa

Ricarica cellulare - fonte_corporate - lineadiretta24.it
Ricarica cellulare – fonte_corporate – lineadiretta24.it

In arrivo la prima ricarica atomica che offre alla batteria del tuo smartphone una vita quasi del tutto inesauribile. Ecco di cosa si tratta. 

Tecnologia si evolve in maniera piuttosto veloce. I dispositivi che utilizziamo in maniera quotidiana, possono fare sempre un maggiore numero di azioni. Se attualmente siamo abituati ad utilizzare lo smartphone per moltissime attività, probabilmente in futuro lo faremo ancora di più.

Questo è il motivo per cui in molti cercano un dispositivo dalle prestazioni elevate, che sia in grado di sopportare un’intera giornata di lavoro senza battere ciglio. Peccato che troppe volte le batterie dei nostri dispositivi ci abbandonano nel bel mezzo della giornata, probabilmente proprio proprio quando ci servivano di più.

La tecnologia si è evoluta, ma purtroppo le batterie dei dispositivi portatili, ci hanno rimesso veramente tanto. quello che in pochi riescono a comprendere è che maggiori sono le attività che vengono svolte attraverso il dispositivo, minore la durata della batteria. Ma le aziende tecnologiche hanno compreso qual è la problematica, e stanno lavorando in tale prospettiva.

Ecco che proprio da questo lavoro costante è arrivata una batteria nucleare che permetterebbe di avere a disposizione ben cinquant’anni di energia. Qualcosa di veramente inspiegabile.

La notizia ci arriva dalla Cina

Da quale altro paese sarebbe mai potuta arrivare una notizia del genere se non dalla Cina? Betavolt ha lanciato l’idea di creare una batteria che non deve essere più ricaricata o cambiata per ben cinquant’anni. Essa sarebbe pensata appositamente per i cellulari e per i droni.

Questo non è altro che la prova che realmente l’energia nucleare offre delle importanti possibilità all’uomo, che deve solo imparare ad utilizzarla nella maniera giusta. Sembra che una batteria veramente potente sarà a disposizione già a partire dal 2025.

Batteria smartphone - fonte_corporate - lineadiretta24.it
Batteria smartphone – fonte_corporate – lineadiretta24.it

La start-up ha ottenuto risultato veramente unico

La start-up che ha avuto l’idea di questa batteria è stata in grado di comprimere ben 63 isotopi nucleari all’interno di un dispositivo dalla grandezza di una moneta. I test pilota in merito a questa batteria sarebbero già iniziati, probabilmente arriverà sul mercato e già a partire dal prossimo anno.

Ovviamente se i test andranno bene, Betavolt è ben intenzionata a continuare a studiare per perfezionare la sua tecnologia.