Il Sultan Nevruz: capodanno Iraniano ricco di storia e tradizione

Festeggiare l’arrivo del nuovo anno, ma anche la primavera: il Sultan Nevruz è una festa tanto importante quanto ricca di storia e tradizione. Questa ricorrenza è una delle principali celebrazioni dei Bektashi, minoranza musulmana di derivazione Sufi stanziata principalmente in Kosovo, ma il Sultan Nevruz è diffuso anche in Turchia, in Iran e in Albania. La sua diffusione è dovuta alle varie conquiste dei persiani, popolazione grazie al quale è nata questa festa.

Ad oggi il festival di Nowruz, chiamato  Nevruz in Turchia, Noruz in Cina e Sultan Nevruz in Albania, è diffuso precisamente in Iran, Asia Centrale, Caucaso, Asia meridionale, Cina, e Balcani, e fino a qualche tempo fa veniva festeggiato anche dai curdi, ma da quest’anno il governo di Erdogan ha vietato (nuovamente) i festeggiamenti del Nevruz il 18 marzo. In Turchia la celebrazione del Nevruz è stata vietata fino al 2000 e molti curdi sono stati persino arrestati dalla polizia turca perché sorpresi a festeggiarlo. Il Sultan Nevruz corrisponde all’equinozio di primavera, il termine nawrúz deriva dall’unione di due parole persiane:  ava (nuovo) e rəzaŋh (giorno) e significa ‘nuovo giorno’. Oltre a rappresentare un anno nuovo e l’inizio della primavera è anche il giorno del compleanno di Ali.

 

Il Sultan Nevruz in Kosovo celebrato dai Bektashi

La celebrazione del Sultan Nevruz in Kosovo inizia con una serie di lunghe e ancestrali preghiere che poi si trasformano in una serie di danze e balli. Alla cerimonia di celebrazione del nuovo anno possono partecipare solo gli uomini, mentre le donne possono assistere dai balconi. Dopo gli attimi euforici di danza e canto si torna in una religiosa preghiera che si trasforma in un momento di riflessione per tutti, ogni gesto è il figlio di un antico rituale che si tramanda di padre in figlio da millenni, terminate le preghiere i partecipanti alla cerimonia sono soliti bere una bevanda tipica del posto simile al sidro. Questo rituale si chiama Prizren e i partecipanti solitamente indossano l’husayni tac, un abito e un cappello tipico cerimoniale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un’ altra usanza tipica dei Sufi è la preghiera che simboleggia l’inizio della trasformazione e la resurrezione dalle tombe: durante questo rito le persone sono solite battere a terra con le mani e baciare il suolo per poi rialzarsi, questa sequenza viene ripetuta per diverse volte. Le danze la fanno da padrone in questa ricorrenza, tipiche quelle in cerchio dove le persone si riuniscono in due cerchi, uno dentro l’altro, che ruotano uno in senso orario e l’altro in senso antiorario. Nonostante il Sultan Nevruz venga festeggiato con rituali leggermente differenti tra le varie popolazioni un’usanza le accomuna tutte: il rito fachirico. Al termine dei balli, dei canti e delle preghiere, le popolazioni che celebrano il Novruz (o Nawruz) sono solite infilzarsi con degli spilloni, questa usanza segna l’apice di una celebrazione che lascia vivere nei giorni nostri antiche credenze che uniscono popoli diversi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Vai alla homepage di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

 

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.