Under the dome, presto su Rai Due

 

Il 24 giugno è andata in onda negli Stati Uniti la prima puntata, lasciando incollati allo schermo milioni di spettatori. La CBS, che trasmette la serie, ha venduto i diritti televisivi in ben 200 mercati internazionali, nei quali, fortunatamente, rientra anche l’Italia. Senza aspettare troppo tempo, infatti, il 14 luglio Rai Due comincerà la messa in onda di “Under the dome”. Ma come mai tutto il mondo punta gli occhi su questo prodotto? Il nome di Stephen King non è l’unico a garantire la qualità della serie. Accanto a lui c’è Steven Spielberg che già nel 2009, all’uscita del romanzo “The Dome”, ne aveva acquistato i diritti con la sua DreamWorks Television. Due anni trascorsi a trovare la rete televisiva idonea ad assumersi il progetto e la casa di produzione del grande regista si è messa all’attivo con la prima stagione, composta da 13 puntate. Se come produttore esecutivo “Under the dome” si avvale del creatore dei più bei film sugli extra-terrestri della storia del cinema, come sceneggiatore troviamo Brian K. Vaughan, fumettista che ha debuttato alla sceneggiatura nel 2007 con “Lost”. Nomi eccezionali, dunque, per questa serie che solo dal trailer sprigiona un mix di mistero, suspense, azione e catastrofismo: aerei che esplodono all’impatto con la cupola e persone con il pacemaker che saltano in aria al solo contatto con il muro trasparente. A dirigere il pilot è stato il danese Niels Arden Oplev, regista di “Uomini che odiano le donne”, mentre tra gli attori si riconoscono volti già visti in altre serie tv americane. Dai protagonisti “buoni”, l’ex militare Dale Barbara, detto Barbie, e Julia Shumway, all’arrivista James Rennie, soprannominato Big Jim, i personaggi della serie rispecchiano quelli del romanzo “The Dome”, che King ideò molto prima della sua pubblicazione. Verso la fine degli anni ’80, infatti, lo scrittore aveva dato inizio a questa storia complessa e articolata, lasciando presto incompiute le azioni che si sviluppano all’interno della cupola. Il titolo originale era “The Cannibals”.

La storia della comunità tranquilla che viene isolata da forze soprannaturali e inspiegabili non è nuova nella storia del cinema e della tv, ma quando si parla di Stephen King l’attenzione è d’obbligo. Molte sono fino ad ora le serie tv, anche di discreto successo, tratte dai suoi romanzi: “La zona morta”, “Heaven”, “Tempesta perfetta” e “L’ombra dello scorpione”. Oltre alla Rai, Amazon Prime Instant Video permetterà lo streaming della prima serie di “Under the dome”, che secondo le previsioni contribuirà a scaldare l’estate 2013.

Vuoi commentare l'articolo?

Cinzia Comandè

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->