The Night Shift, il nuovo medical drama di Italia 1

A partire dal 26 giugno va in onda su Italia 1 la serie dedicata ai dottori del San Antonio Medical Center in New Mexico, ma questa equipe di medici è molto particolare, con un passato difficile come il turno che fanno durante le puntate, quello di notte. The Night Shift sembra essere una serie vincente in partenza, tanto da essersi già assicurata la conferma per la seconda stagione negli Stati Uniti.

Dalle risate che ci ha strappato Scrubs alle lacrime e momenti di suspense con Grey’s Anatomy, l’ospedale sembra essere il luogo ideale per costruire un prodotto televisivo di successo: sarà il nobile fine che perseguono o semplicemente pura casualità, fatto sta che The Night Shift sembra essere destinata alla fortuna anche qui in Italia. Questa serie statunitense è stata ideata e creata da Gabe Sachs e Jeff Judah per la NBC dove è stata mandata in onda nel 2014. Già trasmessa su Mediaset Premium, approda ora su Italia 1 in prima serata. I titoli originari erano The Last Stand e After Hours, apprezzata molto dai critici in America una delle puntate vanta la direzione di Erique La Salle – Benton in ER – mentre le riprese non sono state fatte a San Antonio, ma ad Albuquerque.

Ma scopriamo chi sono i protagonisti di questo nuovo medical drama. Quasi tutti i dottori di The Night Shift hanno un passato che li ha segnati, ricordi da voler cancellare: hanno operato in trincea vivendo scene di guerra che fanno sembrare un pronto soccorso quasi una passeggiata. Tc Callahan, interpretato da Eoin Macken, reduce dall’esercito dove la sua testa calda entrava spesso in contrasto con i superiori, Topher Zia e Drew Alister (Ken Leung e Brendan Fehr), entrambi con esperienza negli ospedali da campo dove il minimo da dover curare era una gamba saltata su una mina antiuomo; Jordan Alexander (Jill Flint) che nonostante sia molto giovane è già stato a capo dell’emergency room e non mancano i tirocinanti: Krista Bell-Hart (Jeananne Goossen) e Paul Cummings (Robert Bailey Jr.). Tutta l’equipe medica deve fare i conti con Michael Ragosa (Freddy Rodriguez), amministratore dell’ospedale che spesso mette da parte il lato umano per far quadrare i conti, ma che deve vedersela con dei medici che mettono prima di tutto la vita dei pazienti.

The Night Shift I protagonisti di The Night Shift sono tutti medici che farebbero qualsiasi cosa pur di salvare una vita e, nonostante un pronto soccorso non sia adrenalinico come una trincea, hanno molto da raccontare; durante la notte succedono cose ben lontane da quelle che accadono di giorno e i medici protraggono i loro turni ad oltranza davanti alle emergenze. Oltre che da professionisti, l’equipe del San Antonio è composta da esseri umani, con le loro paure, i loro dolori, i loro amori e le loro amicizie che faranno nascere intrecci degni di un vero medical drama. Alcuni di loro infatti sono partiti e si sono lasciati alle spalle problemi che al ritorno erano lì ad aspettarli, altri pensano di dover abbandonare l’idea di una vita privata dati i turni improbabili, ma ecco che colpi di scena faranno capire il contrario. Altra protagonista è Landry de la Cruz (Daniella Alonso), la psichiatra del pronto soccorso che si troverà spesso a dover ascoltare i dottori più che i pazienti.

Da venerdì 26 giugno su Italia 1 i medici di The Night Shift vi aspettano con tante vite da salvare, ma sopratutto tanti intrecci da scoprire.

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.