The Halcyon, quando la Rai incontra il period drama di qualità

A volte la Rai ci sorprende. A volte i soliti vecchi e noiosi palinsesti, così grigi e scontati, assumono quella nota di colore che non ci aspettiamo, e che ci fa pensare che la nostra televisione possa ancora avere una speranza di poter competere con i colossi stranieri. Questo succede quando, inaspettatamente, tra un programma e l’altro, ci si ritrova davanti ad uno show che è stato eletto come uno di quei programmi da non perdere. Stiamo parlando di The Halcyon, la serie tv britannica ambientata durante la Seconda Guerra Mondiale, che ci porta all’interno di un Hotel di lusso della Londra degli anni 40, e che intratterrà gli abbonati Rai ogni martedì a partire dal 4 luglio.

The Halcyon: “Dark Days. Bright Nights”

the halcyonLa storia, come accennato, si svilupperà nel periodo della Seconda Guerra Mondiale, e ruoterà attorno alle vicende di uno splendido hotel a cinque stelle nel centro di Londra. La serie ha un sottotitolo, “Dark Days. Bright Nights”, a sottolineare i contrasti fra le difficoltà della guerra ed i fasti della high society determinata a mantenere il suo stile di vita nonostante tutto. Questi contrasti sono ben delineati nei personaggi, personaggi che appartengono all’aristocrazia retrograda, classista e razzista che si scontrano con la realtà ben diversa di ospiti, cuochi, assistenti, cameriere e musicisti, contrasti che ricordano molto un altro period celebre ambientato proprio in quegli anni: Upstairs Downstairs. Tutto ciò su uno sfondo politico e sociale ben preciso, quello della Londra degli anni 40, un periodo di grande difficoltà ma ricco di cambiamenti, cambiamenti che investono soprattutto quelle classi aristocratiche che iniziano a sentire che il terreno sprofonda sotto i loro piedi e che niente sarà più come prima, nonostante si ostinino a fare finta di nulla ed a continuare la vita di sempre, aggrappandosi come tanti naufraghi alla loro zattera fatta di privilegi ormai obsoleti e sorpassati.

Gli inglesi, il period drama ed il cast de The Halcyon

the halcyonChi se ne intende di serie tv sa bene quanto i sudditi di sua maestà abbiano una certa inclinazione televisiva per il period drama (per questo gli addicted li ringraziano di cuore!). Un esempio su tutti è sicuramente Downton Abbey, probabilmente il period più famoso degli ultimi 30 anni. È ovvio che The Halcyon non è Downton Abbey, ci teniamo a precisarlo, tuttavia si tratta lo stesso di un ottimo prodotto che oltretutto è coadiuvato da un cast non indifferente, e che riesce a raggiungere lo scopo che si è prefissato: offrire al pubblico un affresco veritiero del periodo storico in cui è ambientata la vicenda. Abbiamo infatti Olivia Williams, famosa per essere anche la protagonista di Manhattan, Joe O’Hara, alias il Constantine della serie tv, Kara Tointon che, oltre ad interpretare il ruolo di una cantante è essa stessa la reale interprete dei brani musicali della colonna sonora, e molti volti noti delle soap britanniche come Steven Mackintosh, Annabelle Apsion e Mark Benton. E, a proposito di colonna sonora, va detto che in questo caso la musica la fa da padrona, vista l’epoca, e quindi è un tripudio di jazz, soul e swing che non fanno solo da classico sfondo alle vicende della storia, ma ne diventano i veri protagonisti.

The Halcyon, una fortuna inaspettata?

the halcyonLa serie è stata trasmessa dal 2 gennaio al 20 febbraio 2017 sul canale ITV riscuotendo un grande successo, nonostante il ritmo narrativo a volte sembri cedere ad una lentezza eccessiva. Con una media di 6 milioni di spettatori ad episodio (la prima puntata è stata vista da oltre 7 milioni di spettatori, gli ascolti poi sono calati nel corso del tempo fino a toccare i 5,7 milioni nell’ultimo), la curiosità iniziale che investe una nuova serie non l’ha abbandonata, come spesso succede, tanto che spettatori, critica e stampa specializzata sono stati tutti concordi nell’affermare che The Halcyon è uno di quei prodotti di grande qualità, e che quindi va annoverato tra le serie tv dell’anno, quelle da non perdere, quelle che meritano assolutamente almeno una seconda stagione. Nonostante nel Regno Unito si sia organizzata una petizione, la classica raccolta di firme per chiedere che ci sia un sequel, la ITV, che ha il cuore di pietra, ha fatto sapere che al momento non è prevista una seconda stagione e che, pur ringraziando il pubblico per il grande affetto dimostrato, una storia di successo non necessariamente deve per forza avere un seguito.

Orfani di Downton Abbey, amanti del period drama d’oltremanica, addicted veri ma anche occasionali fruitori delle serie tv, l’appuntamento è per martedì 4 luglio sulla rete ammiraglia Rai: a quanto ne sappiamo The Halcyon ha una suite libera per ognuno di voi!

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
Twitter: @Claudia78P

 

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.