Simona Ventura all’Isola: torna l’amazzone (ferita)

A barcamenarsi tra le onde, la mancanza di cibo e i mosquitoes dell’Isola dei Famosi ci sarà quest’anno un’amazzone. Dopo esitazioni e smentite, dopo la probabile gufata lanciata la scorsa edizione ad inizio programma (“grazie”, twittava ambiguamente la sera in cui la tempesta su Cayos Cochinos costringeva Alessia Marcuzzi a rimandare il suo esordio alla conduzione del reality su Mediaset), Simona Ventura è ufficialmente una concorrente dell’undicesima stagione. Da “timoniera” del programma, per otto lunghe edizioni, a naufraga, a partire dal prossimo mercoledì 9 marzo. Rinascita o riparazione? A metà strada: fair play.

Simona VenturaTra chi prevede che per lei questa nuova esperienza si rivelerà un naufragio – “è un attentato alla tua vita” le dice l’ex inviato sull’Isola Francesco Facchinetti – e chi la elegge regina di quest’edizione – i sostenitori del “Pamela Prati, scansate!”, per cui sarebbe stato proprio il peso specifico di un personaggio come SuperSimo a portare la primadonna del Bagaglino a ritirarsi dal programma – lei racconta che “naufragare” è il suo sogno da sempre, mentre di fatto torna in casa propria nelle vesti di ospite.

Se da una parte le acque dell’Isola appaiono come un entusiasmante battesimo di rinascita, dall’altra suonano un po’ come la riemersione faticosa dalle maree concitate in cui ha navigato negli ultimi anni. Dopo l’abbandono alla Rai nel 2013, nessun ritorno in tv della Ventura si è rivelato infatti una ri-consacrazione decisiva sulle scene. Non lo è stata la conduzione di Miss Italia su La7, né il lancio del format Il contadino cerca moglie su Fox, tantomeno la fumosa esperienza ad Agon Channel. Riuscirà l’Isola nell’impresa? C’è chi è pronto a scommettere che dietro quest’impegno siano previste ricompense allettanti da parte di Mediaset, come la conduzione del Gf Vip. Chissà.

Intanto Simona si prepara a partite per questa nuova avventura e, per rilanciarsi, passa dal bancone de Le Iene, dove 18 anni fa, prima di diventare, appunto, SuperSimo, muoveva i suoi primi passi. E anche in questo caso, da un lato un “Bentornata a Mediaset!”, dall’altro un bagno di umiltà imposto a favore di telecamera, che va ad oliare gli ingranaggi implacabili delle strategie di spettacolo, con un pizzico di crudeltà da parte di chi li scrive.

Simona Ventura a Le IeneIn tv e nelle interviste risponde ad ogni provocazione accentuando mimica, risate e tono di voce, per tornare a cavalcare la propria esuberanza, come i telespettatori si aspettano da casa. Atteggiamento, a tratti, un po’ calcato. L’amazzone è affaticata, ma la grinta a cui far rifornimento c’è, c’è da sempre. Riuscirà a riprendere il ritmo dell’effervescenza a cui ci ha abituati e il suo posto sul piccolo schermo? In fondo, la “sua” tv, quelle prime serate che ha plasmato tra le sue mani sino a share voluminosi, trova nei palinsesti attuali la propria prosecuzione ideale, accentuata (e, talvolta, anche forzata): L’Isola dei Famosi, da lei lanciato in Italia, è, appunto, uno dei cavalli di battaglia della tv commerciale, X Factor è nato in Rai sotto la sua egida, per poi fare il balzo in Sky circondandosi di pseudo-“spin off” nella tv di stato come The Voice e Forte Forte Forte. E poi ci sono i tanti personaggi amati-barra-discussi ma comunque seguitissimi che ha lanciato negli anni proprio dalla sua scuderia, da Belen Rodriguez a Francesco Facchinetti, da Simone Rugiati a Claudia Galanti.

A proposito del passato, ha detto in una recente intervista a Verissimo: “se non accetti l’ingratitudine, non farai mai del bene”, volteggiando nel fumo di una dichiarazione imprecisa ma decisa. La voglia di rimettersi in gioco va sempre premiata. Per citarla: crederci sempre, arrendersi mai. 

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @EvaElisabetta

Vuoi commentare l'articolo?

Eva Elisabetta Zuccari

Per lavoro e per passione racconto storie. Dalle esistenze straordinarie di persone comuni ai "pancini sospetti" del Gossip. Giornalista in divenire, classe 1989, curiosa. Spio tutto e tutti: voi non sapete chi sono io, ma io potrei già sapere chi siete voi.