Sherlock, la serie della BBC arriva al cinema

Sarà al cinema solo per due giorni l’episodio speciale della serie britannica Sherlock, dal titolo L’abominevole sposa, che anticipa la quarta stagione. Il 12 e il 13 gennaio, infatti, Holmes e Watson abbandonano la tv per fare capolino sul grande schermo con la distribuzione di Nexo Digital.

Sherlock serie tvStesso il cast, stessa la durata (90 minuti) di ciascuna delle puntate della serie che finora conta tre stagioni e un grande successo di critica e pubblico, diverso il setting. L’ambientazione infatti si trasferisce nella Londra vittoriana, quella originale dei libri di Conan Doyle. Tuttavia il presente non viene dimenticato del tutto, ma torna a ripresentarsi con grande insistenza, in una sorta di intreccio dimensionale e temporale, che alberga nella mente di Sherlock e rivive grazie allo stordimento della droga. E così il protagonista, interpretato da Benedict Cumberbatch, e l’immancabile e sagace dott. Watson, che ha il volto di Martin Freeman, si interrogano sull’apparizione del fantasma di una sposa che funesta Londra con la sua furia vendicatrice.

Partendo da questo delitto irrisolto, quello de L’abominevole sposa, in cui Holmes affronta ancora una volta la paranoia e la superstizione nel soprannaturale, le vicende e gli umori dell’investigatore più amato della Gran Bretagna prendono il sopravvento, fino a confondersi in un finale torbido e carico di simbolismi. La narrazione è veloce e repentina e lascia spazio verso il finale al prevalere di toni cupi e intimisti. Abbastanza per svelare qualcosa in più sulla serie senza di fatto svelare nulla.

Un piccolo spiraglio che fa luce sulla mente oscura e tormentata di questo intrigante personaggio che sembra rivelare una profonda inquietudine verso il nemico di sempre: Moriarty. Sherlock. L’abominevole sposa è un pretesto per il rilancio della serie come un’occasione per avvicinare il pubblico del cinema a questi progetti ibridi, che si adattano tanto al piccolo quanto al grande schermo per complessità, accuratezza e investimento economico. Il film sarà al cinema solo nelle giornate del 12 e del 13 gennaio, a Roma in ben 15 sale.

Vuoi commentare l'articolo?

Lavinia Martini