MasterChef, poker di giudici per la quinta edizione

Ci sono quei programmi che, dopo essere stati consacrati al successo, diventano quasi una certezza del piccolo schermo e la loro presenza è sicura e attesa come l’alternarsi delle stagioni. È il caso di MasterChef Italia, giunto alla quinta edizione che andrà in onda su SkyUno a partire da giovedì 17 dicembre. Lo schema del format è sempre lo stesso, ma tra new entry e trasferte annunciate le sorprese non saranno poche.

masterchef 5L’ultima edizione di MasterChef Italia si era conclusa con dei numeri da capogiro: la finale dello scorso 5 marzo ha conquistato circa un milione e mezzo di telespettatori, ma la questa quinta non sembra essere da meno. La prima novità riguarda la temutissima giuria: al trio composto da Joe Bastianich, Bruno Barbieri e Carlo Cracco si aggiunge lo chef stellato Antonino Cannavacciuolo, che nell’edizione precedente era stato ospite del programma. Originario di Napoli e con due stelle Michelin alle spalle, Cannavacciuolo è stato il volto della versione italiana di Cucine da incubo. Dopo aver visitato i peggiori ristoranti d’Italia, dovrà ora confrontarsi con i piatti di 20 aspiranti chef e non sembra intenzionato a fare il “buono” della situazione, almeno stando a quanto dichiarato nel corso della conferenza stampa di presentazione: ”Io giudico nel bene e nel male, mi incazzo anche. Se uno propone un piatto che mi piace, mi vedrete sorridere. Altrimenti non le mando certo a dire!”, mentre Carlo Cracco ha tirato fuori il suo lato sentimentale parlando dei concorrenti e del rapporto che si instaura con loro: ”Quando sei lì e stai insieme per così tanto tempo, si stabilisce un rapporto. È sempre difficile da gestire perché non puoi entrare dentro, nel contesto, altrimenti si perde tutto ciò che è la gara. Però ci sono persone che hanno bellissime cose dentro e questo arricchisce in un certo senso i loro piatti”. I mesi che i giudici passeranno con i concorrenti sono tre e gli episodi che andranno in onda saranno 24, suddivisi in 12 serate.

La quarta edizione di MasterChef ha visto trionfare Stefano Callegaro, l’agente immobiliare 43enne reso noto anche per le polemiche alzate da Strisicia la Notizia che ha messo in dubbio il fatto che fosse un cuoco amatoriale. Anche quest’anno la tipologia di concorrenti sembra variegata, come si evince dalle selezioni. Tra i 18 mila aspiranti concorrenti che hanno partecipato ai casting c’è uno scultore che vive a Düsseldorf, un caposala veneto che non ha molta fortuna in amore, un avvocato con una famiglia che non condivide la sua passione per la cucina e una mamma single di Ravenna. E proprio circa i casting Bruno Barbieri ha dichiarato: ”Le selezioni mi divertono sempre tanto perché si presenta gente molto strana, ma anche brava”. Sicuramente uno dei punti di forza di MasterChef sono anche le peculiarità e le storie che portano con sé i concorrenti che si mettono in gioco. Barbieri ha anche anticipato che, durante questa edizione, si sposteranno all’estero: tra un Invention test e un Pressure test ci sarà anche un’esterna fuori dai confini italiani. Tra le prove fatte al di fuori degli studi ci sarà la preparazione di una cena alla griglia nel ranch di Valentino Rossi e i commensali saranno i piloti e lo staff dello Sky Racing Team. La carne sul fuoco è tanta in tutti i sensi, infatti tra gli ingredienti utilizzati in questa edizione ci sono: 900 kg di carne, 6500 di verdure e 9600 uova, ma gli sprechi sono stati ridotti al minimo. Grazie a Last Minute Market, società che ha come obiettivo la quantificazione degli sprechi di cibo legati alle grandi distribuzioni, sono stati recuperati 65 kg di uova e latticini, 1800 kg di frutta e verdura, 120 di farine, 200 di carne e 400 litri tra panna e latte, il tutto destinato a diversi enti caritatevoli di Milano. Non mancheranno chef di tutto rispetto come ospiti e, fino ad ora, ne sono stati annunciati due: Lorenzo Logo, il più giovane chef stellato d’Italia, ed Enrico Cerea, chef del celebre ristorante “Da Vittorio”.

I 20 aspiranti MasterChef d’Italia sono pronti a sfidarsi a colpi di pentola davanti ad una giuria stellata e senza peli sulla lingua. Solo uno si aggiudicherà l’ambito premio in gettoni d’oro e la possibilità di pubblicare un libro di ricette edito da Baldini&Castoldi. L’appuntamento con la quinta edizione di MasterChef Italia è per giovedì 17 dicembre su SkyUno. Accendete televisori (e fornelli).

Twitter: @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.