“Che diavolo di pasticceria!”, tranquilli ci pensa Knam!

Laboratori dove regna il caos più totale, prodotti scadenti, membri dello stesso staff che discutono, disorganizzazione e dessert che lasciano l’amaro in bocca. Ernst Knam dovrà affrontare tutto questo e molto altro nella seconda edizione di “Che diavolo di pasticceria!”, in onda dal 15 aprile ogni venerdì alle 23:05 su Real Time.

L’ex giudice di Bake Off Italia è pronto a portare un po’ di rigore e disciplina nei peggiori laboratori di tutta l’Italia, ma chi è Ernst Knam?

Classe 1963, nasce in Germania per poi trasferirsi a Milano, ma ben presto le cucine più prestigiose di tutto il mondo diventano la sua vera casa. Infatti nel 1986 Ernst diventa cuoco e inizia a lavorare in diversi ristoranti stellati in Germania, Scozia, Svizzera e Inghilterra; nel 1986 arriva in Italia dove entra nella cucina di Gualtiero Marchesi come Mastro Pasticcere, dopo quest’ultima esperienza formativa Ernst intraprende l’attività imprenditoriale aprendo una pasticceria a Milano. Nella carriera di questo grande pasticcere i riconoscimenti non sono tardati ad arrivare, infatti nel 1988 Ernst si aggiudica il primo premio nella sezione Pasticceria al Toque d’Or di Lucerna e nel 2004 a Bruxells gli viene conferito il riconoscimento di Miglior Pasticcere in Italia. Ma Ernst non è solo un pasticcere, la sua conoscenza del mondo culinario spazia a 360°, così è uscito vincitore anche dal Campionato Italiano di Panini a Rimini e nel 2014 è stato nominato “Chef Ambassador” per Expo 2015 insieme a Carlo Cracco e Pietro Leemann. La Pasticceria l’Antica di Ernst, aperta del 1992 in via Anfossi 10 a Milano, è diventata ormai storica e la ricordiamo anche come scenario del programma “Il Re del cioccolato” andato in onda per la prima volta nel 2012 su Real Time; dal 2013 Knam entra a far parte dei giudici di “Bake Off Italia- Dolci in forno” al fianco di Benedetta parodi e Clelia D’Onofrio e dal 2015 è protagonista di “Che diavolo di pasticceria!”.

che diavolo di pasticceria

In questa seconda edizione Knam si troverà di fronte delle sfide impossibili, pasticcerie sull’orlo del fallimento a cui dovrà dare nuova vita, a partire dal personale. Spesso infatti il problema più grande non è la mancanza di talento dei pasticceri, ma i dissapori interni, la passione per la pasticceria che si è spenta e staff con poca stima dei proprietari; nonostante il suo carattere apparentemente rigido Knam in fondo – molto in fondo- ha un grande lato umano grazie al quale riuscirà ad accendere di nuovo gli animi di quei pasticceri che avevano perso ogni speranza. Oltre ad essere un gran maestro di pasticceria l’ex giudice di Bake Off è anche un business-man di successo in grado di dare consigli utili ai proprietari delle pasticcerie che visiterà per far decollare di nuovo gli affari. Quattro episodi e tante sfide diverse per Ernst in “Che diavolo di pasticceria!”: a Milano si troverà davanti una pasticceria napoletana gestita da due fratelli che hanno un rapporto estremamente difficile e le cui continue incomprensioni rischiano di mandare in rovina il loro locale; a Genova dovrà fare i conti con un’altra pasticceria gestita da una famiglia, in questo caso una famiglia allargata composta da padre, madre, figlio e nuovo marito della donna. In questa grande famiglia l’anello debole è il giovane pasticcere che non sembra volersi assumere le proprie responsabilità, la causa sarà la poca passione per la pasticceria o alcuni dissapori nati dalle dinamiche della “famiglia allargata”? Nella penultima puntata di “Che diavolo di pasticceria!” Ernst volerà a Lissone, in provincia di Monza dove la titolare di una pasticceria ha messo da parte il sogno di sofisticate praline al cioccolato, mousse accompagnate da ricercate decorazioni e dolci sfiziosi per lasciare il posto a classiche lingue di gatto e maritozzi con la panna a causa dei numerosi problemi economici, ma questa scelta non si è rivelata quella giusta e Knam dovrà aiutarla nel far decollare nuovamente gli affari ripescando le sue intenzioni di offrire ai propri clienti prodotti ricercati. Nell’ultima puntata si torna a Milano, sul Naviglio, dove i soci di una pasticceria metteranno a dura prova la pazienza di Knam con le loro idee di business; riuscirà Ernst a mantenere la calma e far ragionare i testardi soci?

Non affrontate mai un dolce con paura: divertitevi a farlo”, questo il motto del Re del cioccolato che dovrà affrontare quattro nuove “pasticcerie da incubo” ogni venerdì alle 23:05 su Real Time.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il mondo. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.