Tempo di Giubileo: la tv lo racconta così

Martedì 8 dicembre, giorno dell’Immacolata Concezione, ha avuto ufficialmente inizio il Giubileo della Misericordia. Un Giubileo straordinario, un evento così importante da far puntare i riflettori di tutto il mondo su Roma. Diverse reti, generaliste e non, hanno trasmesso in diretta l’apertura della Porta Santa a San Pietro da parte di Papa Francesco e alcuni canali, come Tv2000, hanno persino deciso di modificare il loro palinsesto per l’intero anno giubilare.

voyager speciale giubileoMolti sono stati gli speciali dedicati al Giubileo ancor prima del suo inizio: è il caso di Voyager, il programma condotto da Roberto Giacobbo che, per il suo ritorno in tv venerdì 4 dicembre, ha scelto di concentrarsi sui luoghi simbolo dell’evento, raccontando anche le storie di figure importanti della cristianità come Madre Teresa di Calcutta. Nella giornata dell’8 dicembre le variazioni sulla normale programmazione sono state svariate e la cerimonia è stata trasmessa su Rai1, La7, RaiNews24, Sky Tg24 HD e Tv2000. È proprio quest’ultima rete ad avere – comprensibilmente – l’offerta più ricca per chi vuole seguire il Giubileo.

Tv2000 (canale 28 del digitale terrestre) ha modificato il proprio palinsesto per far partecipare al meglio i telespettatori allo svolgimento dell’intero anno; ogni settimana verranno offerti approfondimenti sul tema del perdono e della misericordia, primo fra tutti Nel mezzo del cammin, in onda ogni lunedì in prima serata dal 7 dicembre. Il programma si articola in 34 puntate ed è presentato da Franco Nembrini, un esperto oratore dei canti di Dante Alighieri che, attraverso i versi del poeta, vuole far riflettere gli spettatori su alcune tematiche, prima tra tutte proprio quella della misericordia. Le spiegazioni di Nembrini sono accompagnate dai dipinti del fumettista della Marvel Gabriele Dell’Otto e da una statua che prende forma al centro dello studio.

Dal 15 dicembre, sempre su Tv2000, andrà in onda per 4 settimane, in prima serata, Beati voi – 70 volte 7: condotto da Alessandro Sortino, il programma analizzerà il tema del perdono attraverso quattro film-documentari diretti da registi non credenti. Il primo ad essere trasmesso è Chiunque tu sia di Riccardo Cremona; protagonista è don Luigi Verdi che aiuta le persone uscite da situazioni difficili a trovare la forza per andare avanti. Il secondo è Verso Casa di Claudia Tosi, documentario che racconta la storia di due amiche sulla difficile strada del perdono. Sarà, poi, la volta di Piero Li Donni con Prima cosa: buongiorno, uno spaccato napoletano. Si conclude con Incontro di Anna Recalde Miranda, la vicenda di Maurice Bignami, ex terrorista pentito che nel 1980 uccise il giudice Guido Galli; una conversione tormentata e sofferta e un’amicizia, quella con la guardia di sorveglianza.giubileo

Questo Giubileo è anche social e si potranno seguire gli eventi più importanti attraverso il web. La Santa Sede ha infatti realizzato dei profili appositi su Facebook, Instagram, Twitter, Google Plus, YouTube e Flickr. Per i pellegrini, invece, è stata realizzata l’app Iubitinera. L’applicazione accompagna i pellegrini attraverso i 4 Cammini del Giubileo e, in prossimità di un luogo d’interesse, invia una notifica, insieme a dei cenni storici ed artistici. Iubitinera informa sugli orari di apertura delle chiese, della Santa Messa, sulla disponibilità dei confessori e indica le fermate più vicine di bus e metro; al termine del proprio cammino si può condividere il percorso svolto sui principali social e ricevere il Testimonium, un documento che ne attesta il completamento.

Twitter: @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.