Gf Vip: l’uscita di Asia, l’ira funesta di Mariana e la prima finalista

Nel bene o nel male, purché se ne parli” recitava Oscar Wilde in un brano de “Il ritratto di Dorian Gray” e, a conclusione del quinto appuntamento serale con il Gf Vip, peraltro sempre più “stellare”, qualcuno avrebbe da argomentare su questa affermazione, e questo qualcuno sarebbe la giovane Asia Nuccetelli. Dopo l’enorme riscontro mediatico che hanno avuto i recenti incontri-scontri tra la più giovane delle Mosetti e l’ormai onnipresente Giulia De Lellis, c’era da aspettarselo che a farne le spese sarebbe stata Asia, macchiatasi di un gravissimo peccato: aver cercato di rubare la dolce metà alla “fidanzatina d’Italia”!

L’impari scontro tra Asia Nuccetelli e Giulia De Lellis

asia nuccetelli Gli approcci più o meno interessati della ragazza nei confronti di Andrea Damante non sono andati giù a tutte quelle donne (troppe!) che sognano il principe azzurro (rigorosamente con ciuffo annesso) sul cavallo bianco, le quali, davanti a cotanta hýbris, hanno ritenuto opportuno punirla per questo suo peccato di tracotanza con l’uscita dal Gf Vip. Sarà anche vero che Asia aveva vagheggiato il classico “pensierino” sul tronista dal ciuffo selvaggio (il quale, diciamocelo, non sembrava affatto infastidito dagli approcci della compagna di reclusione), ma non si aspettava di aprire il vaso di Pandora dal quale è uscita una Giulia De Lellis sotto le sembianze prima di Furia e poi, in questa ultima settimana, di Parca, pronta a tagliare il filo del suo destino nel reality. Nel bene o nel male, dunque, se ne è parlato: Asia ha fatto le valige portandosi dietro l’82% dei voti, e Giulia ed il suo principe azzurro sono rimasti arroccati nel loro castello (di carta) incantato.

Lacrime, ospiti inattesi e misteri “stellari”

Ma il Gf Vip va avanti imperterrito, e non ci fa mancare il classico momento in cui si aprono gli argini degli occhi e l’ormai arcinoto fiume di lacrime si riversa in studio ma anche a casa. Il delicato ruolo di protagonista del “lacrima time” della serata viene affidato alla Valeria “Meme” Marini nazionale che, sotto la dura corazza del fondotinta, nasconde la classica fragilità delle donne (ma anche un dubbio esistenziale su quale sia la sua reale taglia: 42 o 46?) : “Mi sento molto sola, mi manca l’affetto, mi manca l’amore, voglio un figlio“. Ma l’abilità della Valeriona nazionale sta nel nascondere tutto sotto il sorriso, i lustrini, e le interminabili ore passate davanti lo specchio in operazioni di “restauro” della sua giunonica ed inconfondibile figura che non è sempre ciò che appare e, come si è appreso meglio questa sera, nasconde molto più di ciò che mostra.

Per un attimo si accantonano le lacrime e ci si ricompone (Bettarini in un’immagine di diretta si asciuga le ascelle “commosse” col phon!) per accogliere, come si conviene (freezati), l’ospite della sera che, per uno strano caso, non è la solita Giulia De Lellis, ma la squalificata Pamela Prati che, oltre a portare un messaggio criptico ai suoi ex compagni di reclusione, forse aveva nostalgia dell’armadio in cui soleva nascondersi! Pamela ha speso parole di incoraggiamento, stima ed affetto solo per Bosco, Valeria ed Alessia, lasciando intendere che, tra gli altri, ci siano persone ipocrite. Ma ormai “la più amata dai tassisti” è fuori dai giochi, e, al di là delle lacrime di Bosco (“Basta con le lacrime di Bosco, non si può piangere ogni due per tre“, Signorini dixit: ubi maior minor cessat!), che deve prepararsi per la consueta prova in vasca accompagnato da Laura Freddi, il suo ritorno lascia il tempo che trova e qualche perplessità: perché se squalificata dal gioco, a differenza di Clemente Russo, siede in studio con gli eliminati regolari?

asia nuccetelli Ma le lacrime bussano di nuovo alla soglia della casa più spiata d’Italia e, ad aprire la porta, troviamo Stefano Bettarini, il quale, ormai riscattatosi (o forse no) dalla brutta storia della celebre lista di donne, si commuove virilmente di fronte alla lettera del figlio. Ma l’Italia (e con essa Signorini) reclama a gran voce tutta la verità sul bieco affare del “bagno stellare”, che ha per protagonisti il nostro Betta e Valeria, i quali, al riparo da sguardi indiscreti (ma non dalla Mosetti che si è attaccata alla porta chiusa, come il naufrago alla zattera, cercando di svelare l’arcano) vi si sono rinchiusi per un quarto d’ora. Cosa sarà mai successo? Né Valeria né il suo ormai “drudo” se la sono sentiti di sbottonarsi più di tanto (probabilmente lo hanno fatto solo in privato!), l’unica cosa certa è che nel bagno del Gf Vip si aggira un mostro (la Casalegno ce lo dipinge “a tre teste, una sorta di Cerbero moderno che invece di fare la guardia al regno di Ade deve essersi trasferito momentaneamente nella casa di Cinecittà)! Sarà un foruncolo (ipotizza la signora Gianna, l’augusta madre di Valeria)? Rimarremo per sempre col dubbio!

Scoop! Il risveglio di Mariana

Ma nella casa del Gf Vip aleggia anche un’altra tremenda minaccia, un qualcosa che si era nascosto negli angoli più oscuri della costruzione (e forse anche negli armadi come Pamela!) e che ha deciso di palesarsi all’improvviso in tutta la sua “ira funesta”: Mariana! Dopo settimane di silenzio decide di fare la nomination davanti a tutti, e Ilary, forse presagendo un topic moment, non la costringe a recarsi in confessionale, ma la lascia esprimersi davanti a tutti, ed il risultato è strabiliante: con una memorabile e alquanto inattesa sceneggiata (sudamericana) vota Valeria accusandola a gran voce di comportarsi come se fosse la padrona di casa. Alea iacta est! Mariana gioca la carta dello “spirto guerrier” che, anche se le costa la nomination, le regala quella preziosa quindicina di minuti di fama che tutti hanno il diritto di godersi.

E con il 21,1% di share, anche questo quinto appuntamento ha tenuto incollati al video una buona fetta di italiani (4.060.000), i quali hanno anche avuto l’onere o l’onore di scegliere con un televoto la prima finalista, Alessia, ma restano pur sempre a bocca asciutta riguardo l’affaire Bettarini-Valeria. Confidando nell’udito di Antonella Mosetti, speriamo di saperne di più il prossimo lunedì.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Claudia78P

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.