GF Vip, Prati (squalificata) contro tutti: se l’insubordinazione diventa show

Il limite è stato superato”: il Gf Vip ha esaurito la pazienza e si è stufato di giocare a braccio di ferro (o a nascondino nell’armadio) con Pamela Prati decidendo di squalificarla. L’insubordinazione nei confronti delle regole del gioco è stata evidente sin dai primi giorni, Pamela da sempre mal sopportava la reclusione, l’occhio vigile delle telecamere, il microfono, la voce del GF che la invitava a fare qualcosa, il cibo non idoneo al suo stile alimentare … fino ad arrivare persino ad uscire, anche se solo per pochi istanti, dalla casa stessa. Insomma, che abbia avuto o meno i suoi buoni motivi per adottare questo comportamento irrispettoso nei confronti del gioco e di chi vi sta partecipando, resta il fatto che, come ha giustamente ricordato Alfonso Signorini, “Che tu sia Pamela Prati o il signor Rossi le regole vanno rispettate, altrimenti esci!”.

Al Gf Vip il Pamela Prati show : “Str***i! Chiamatemi un taxi!”

E la Prati non ha avuto certo bisogno di farselo ripetere due volte: alla parola “esci” è partita a razzo e si è infilata nel bagno seguita da Valeria Marini che l’ha convinta a ritornare sui suoi passi e ad ascoltare il comunicato letto da una Ilary Blasi che ha mantenuto sangue freddo e nervi saldi in questa situazione davvero complicata. Ma il Pamela show non finisce con la comunicazione della squalifica, anzi, raggiunge l’apice con l’uscita dalla casa dell’eliminata che, voltando le spalle ai suoi compagni d’avventura senza degnarli di un saluto, dirigendosi verso l’uscita, strappandosi di dosso il microfono e pretendendo di non essere ripresa o fotografata, chiede che le si chiami un taxi! Un’uscita di scena non proprio elegante ma che verrà ricordata a lungo. Per quanto possa essere pesante vivere un’esperienza da reclusi, per quanto si possano avere difficoltà personali nel non poter uscire da un ambiente circoscritto, si tratta pur sempre di un gioco del quale si sono accettate le regole con tanto di firma su un contratto, di conseguenza il comportamento della Prati non può essere giustificato ed è certamente da biasimare.

gf vipUna volta giunta in studio (peraltro accolta freddamente dal pubblico) spiegherà che combatte da 25 anni con la claustrofobia e si dirà dispiaciuta di non aver salutato i suoi compagni. E se per un attimodorme quello spirto guerrier ch’entro le rugge”, come le piombano addosso le critiche (lecite) di Signorini lo “spirto” sbuca fuori dalla tomba e parla: “Alfonso, il tuo ruolo è l’opinionista che dice solo tante cazzate”. Lesa maestà con alto tradimento annesso! Neanche il racconto dell’infanzia difficile e della lunga permanenza in un collegio lontano dalla madre può salvarla ormai dall’aver osato offendere sua maestà Alfonso I il quale, sdegnato, probabilmente la farà bandire dal regno dei Vip!

I momenti soap opera (e non solo): Bettarini-Marini e il triangolo Damante-De Lellis- Mosetti

Ma al Gf Vip non c’è tempo per pensare ai “traditori della corona” perché c’è altra carne da mettere al fuoco. Già nell’attesa dell’arrivo di Pamela in studio gli italiani hanno assistito alle lacrime di Bettarini che ascoltava il saluto di Clemente Russo portato da sua moglie, all’ennesimo incontro/scontro tra le Mosetti (ormai sdoppiate in due singoli concorrenti le quasi sono peraltro finite al televoto salvo annullamenti dell’ultimo minuto) e Giulia De Lellis, la fidanzata di Andrea Damante che ormai figura come ospite fissa della casa (se mai tornerà in visita sarebbe buona creanza offrile un caffè!), e ad una prova in vasca sostenuta da Valeria Marini e Alessia Macari che si sono viste piovere addosso purè, acciughe, omogeneizzati, uova e quant’altro (fortunatamente non Barbie!).

Rispettando la migliore tradizione del Gf Vip, e dopo aver assistito ai tentativi della Marini di togliersi il purè dal costume, non si poteva certo far mancare agli italiani il sentimento. Ed eccolo qui, sotto forma di fiumi di lacrime nell’incontro toccante tra Elenoire Casalegno e la figlia Swami fuori dalla mitica porta rossa, in quello tragicomico tra Bosco Cobos freezato nel bel mezzo delle lacrime e la “zia” Mara Venier, seguito poi da una lettera breve ma essenziale di Stefano al figlio che ha compiuto da pochi giorni 18 anni e dal videomessaggio del fratello di Antonella Mosetti.

gf vipArchiviate le lacrime ci si lascia alle spalle la fascia protetta per addentrarsi nei meandri del piumone “stellare” di Valeria Marini che, oltre a nascondere il “drudo” Bettarini (ma non la sua buffa espressione: una sorta di stupore misto ad avversione) cela (forse) torbidi segreti, segreti che però ci vengono proposti dai diretti interessati come “scherzi” innocenti ma che vengono comunque condannati dalla mamma di Valeria che, una volta tanto, rimprovera la figlia per qualcosa di diverso dalla ormai arcinota “fame intergalattica”. Queste flebili scuse potranno ingannare la signora Gianna ma non Signorini, il quale di certo indagherà a fondo sotto il piumone (per il bene dell’umanità s’intende) per tirar fuori lo scheletro che vi si nasconde (sperando che non sia quello in mutanda bianca di Stefano!).

Il Gf Vip ha generosamente offerto la razione di trash atta a colmare il fabbisogno settimanale dell’italiano medio (ha radunato davanti al video 4.461.000 affamati spettatori pari al 23.3% di share), che spera in una eguale generosità anche nella prossima puntata.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @Claudia78P

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.