Chiude Babel, il canale multiculturale di Sky

Babel è una piccola finestra sul mondo, con una programmazione multiculturale. Fino ad oggi ci ha mostrato la vita delle principali comunità di stranieri che vivono nel nostro paese, offrendo programmi ed approfondimenti sui loro paesi d’origine. Occupa il canale 136 di Sky, ma dal primo aprile non sarà più disponibile sulla piattaforma.

Babel nasce nel 2010 con l’intenzione di soddisfare persone di razza ed etnie differenti, offrendo intrattenimento televisivo a chi ha lasciato il suo paese d’origine venendo a vivere in Italia. Sulla scena televisiva è l’unico canale che offre programmi con contenuti creati appositamente per i cosiddetti Nuovi Italiani. Fino ad oggi la programmazione di questo canale ha offerto: un magazine sugli avvenimenti italiani tradotto in sei lingue, un programma di approfondimento sulle leggi italiane, servizi sulle maggiori TV estere, approfondimenti sulle tradizioni degli immigrati e sul tema dell’immigrazione. La prima serata è sempre dedicata a un paese diverso con servizi e documentari, programmi di varietà come MasterChef India, il talent per aspiranti imprenditori stranieri Extrabusiness, Make Up-il Trucco del Successo, dove vengono dispensati consigli sul trucco a donne con origini differenti in base alle caratteristiche somatiche e Benvenuti a Est rendono l’offerta del canale completa. I telespettaori che Babel ha conquistato non sono solo stranieri, comprendono anche Italiani curiosi di conoscere le tradizioni e i retroscena di chi ha lasciato il proprio paese d’origine. Dopo soltanto un anno dalla sua apertura questo canale così innovativo ha vinto gli HotBird TV Awards come miglior canale satellitare Europeo nella categoria Cultura, e su Facebook ha ottenuto 40.000 fan.{ads1}Un successo iniziale che non è stato sufficiente per far resistere Babel sulla scena televisiva. L’editore del network-Bruno Pellegrini-parlando della chiusura del canale ha dichiarato all’ANSA:” Un’esperienza forse troppo d’avanguardia. Il mercato insomma non l’ha capito. Il progetto era socialmente e culturalmente rilevante.” Spiegando che la scelta di chiudere i battenti è stata mossa da motivi economici, non c’erano brand disposti a finanziare il canale e le pubblicità non erano disponibili. I dati Auditel non erano del tutto affidabili e non hanno aiutato Babel in quanto i Nuovi Italiani sono stati presi in considerazione solamente di recente nelle rilevazioni Auditel, anche se i numeri non sono affatto bassi; infatti i contatti mensili erano in media di 2,5 milioni. Babel saluterà il suo pubblico il 31 marzo con “La Torre di Babel(e)”, dove persone straniere, trasferite in Italia ormai definitivamente, racconteranno aneddoti tratti dalle loro esperienze nel nostro paese.

Un esperimento culturale che aveva tutta le carte in regola per riuscire, apprezzato da molti, una dimostrazione di apertura ad un’Italia che ormai è multiculturale, un canale grazie al quale chi ha lasciato il suo paese poteva tornare a casa e ritrovare un po’ della propria cultura accendendo la TV, il potenziale di Babel non è bastato a superare le controversie economiche.

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->