Carmen Sandiego dagli anni 90 a Netflix [Video]

 

“Dov’è Carmen Sandiego, Carmen Sandiego, chi mai dirlo saprà. Dimmi dov’è Carmen Sandiego, chi lo sa? Chi mai dirlo saprà? È in Amazzonia, forse Patagonia, è in Perù, forse a Timbuctù non lo sai neanche tu…..”

I bambini degli anni 90 hanno cantato a squarciagola la famosa sigla italiana del cartone animato che aveva per protagonista la criminale Carmen Sandiego, quella con il cappello e l’impermeabile rosso, quella che rubava interi monumenti semplicemente sollevandoli da terra con un elicottero. L’amletica domanda “dov’è finita Carmen Sandiego?” potrebbe finalmente trovare una risposta esaustiva molto presto (si vocifera nel 2019) grazie alla piattaforma di streaming più famosa al mondo che, come ben sappiamo, spesso e volentieri si diverte a di riportare a galla programmi televisivi ormai datati e finiti nel dimenticatoio, e questa volta ha deciso di gettare l’amo ad un personaggio del passato davvero iconico.

Carmen Sandiego: genesi e sinossi

carmen sandiego In origine era un gioco educativo per bambini anni 80. Successivamente si trasformò in un gioco televisivo interattivo prima negli USA e poi anche in Italia, dove andò in onda sui canali RAI nei primi anni 90. Si trattava precisamente di un programma rivolto ad un target di bambini che, divertendosi grazie all’intrigante mistero che avvolgeva questa fantomatica signorina vestita di rosso che girava il mondo, apprendevano anche qualche nozione di geografia e di lingue straniere, cosa molto gradita alle mamme dell’epoca. In seguito arrivò anche la serie animata sviluppata in 4 stagioni da 10 episodi (40 complessivi) trasmessi tra il 1995 e il 1999 su Rai 1. La ladra internazionale a capo di un’organizzazione criminale chiamata V.I.L.E., era rappresentata come una donna ispanica dai lunghi capelli scuri che indossava guanti neri, trench rosso e cappello in testa. Carmen rimase orfana quando era ancora molto piccola, e venne spedita in un collegio, il Golden Gate Girls’ School, a San Francisco, dove restò finché il “Capo” decise di darle un posto di lavoro presso l’agenzia investigativa ACME. Già all’età di 17 anni aveva risolto un numero considerevole di casi, grazie anche al prezioso aiuto del suo partner giapponese Suhara. Ma poi misteriosamente scomparve e, lasciata la ACME, si dedicò al crimine. Ma attenzione, nonostante sia una ladra, Carmen rispetta un forte codice morale, e chissà, probabilmente la nuova serie si focalizzerà anche su questo aspetto insolito.

La Carmen Sandiego targata Netflix

carmen sandiego La nuova nata in casa Netflix, della quale è già in circolazione un teaser poster, si baserà interamente sul videogioco originale e sul programma televisivo degli anni 90. Il titolo sarà semplicemente “Carmen Sandiego”. I primi 20 episodi saranno disponibili, come già accennato, nel 2019. La novità sta nel fatto che Netflix non si accinge ad una semplice riesumazione con restauro come ci si aspetterebbe, ma alla realizzazione di una storia inedita, ricca di novità inattese sul passato di Carmen, passato che nella serie animata di 20 anni fa non è mai stato completamente chiaro, passato che, diciamocela tutta, fa gola un po’ a tutti, anche a chi è troppo cresciuto per visionare una serie animata.

La star di Jane the Virgin, Gina Rodriguez, vincitrice peraltro di un Golden Globe, ha confermato sul proprio account twitter di esser stata scelta per dare la voce a Carmen per i 20 episodi (di ventidue minuti ciascuno) prodotti da Houghton Mifflin Harcourt: “Ho già preso il borsalino e il cappotto. Quindi è definitivamente ufficiale”. La Rodriguez si troverà a lavorare con il piccolo Finn Wolfhard, il protagonista di Stranger Things, il quale sarà la voce di Player, complice e confidente della famosa ladra internazionale. La produzione è curata da Houghton Mifflin Harcourt, lo showrunner e produttore esecutivo è Duane Capizzi (The Batman); altro produttore esecutivo è CJ Kettler (The Tick). Il design visivo è invece firmato Kevin Dart (Mr. Peabody & Sherman) e Chromosphere, mentre DHX Media si sta occupando dell’animazione.

Insomma, sembra proprio che, a distanza di 20 anni, abbiamo finalmente una risposta alla domanda che ci ha fatto venire i capelli bianchi: Carmen Sandiego con il suo cappello e l’impermeabile rosso è finita su Netflix!

Vai alla home page di LineaDiretta24
Leggi altri articoli dello stesso autore
Twitter: @Claudia78P

Vuoi commentare l'articolo?

Claudia Pellegrini

Nasce a Sora nel lontano 1978. Cresce divorando libri di ogni genere e consumando penne su fogli di quaderno. Tra una storia e l’altra si diploma al Liceo Classico, e sceglie di lasciarsi alle spalle la Ciociaria ed i gatti per tentare la fortuna a Roma dove, nel corso degli anni, consegue prima una Laurea Magistrale in Lettere Moderne, e poi, più per noia ed abitudine che per amore dello studio, ritorna nei corridoi della Sapienza per conseguirne un’altra in Editoria e Scrittura. Lettrice seriale e maniacale (toglietele tutto ma non i suoi libri), “gattara” e pizzaiola, divoratrice di film horror e serie tv, nonostante sia ormai un reperto archeologico ancora non ha trovato la sua strada nel mondo. Forse è nascosta tra le pagine di un libro magari scritto proprio da lei.