Calendario delle Studentesse 2014, la bellezza della ribellione

Le immagini dell’edizione 2014 mettono in luce la forza e il coraggio delle donne che hanno deciso di ribellarsi al fenomeno della violenza, che in Italia ha fatto già 7 milioni di vittime.

Eloquente a tal proposito lo scatto di Agosto, che immortala una donna mediorientale intenta a tagliare il niquab, il tipico velo della tradizione islamica. Un’immagine dai toni forti che simboleggia la ribellione ai vincoli imposti dalla cultura e dalla religione. Altrettanto potenti le immagini di Giugno e novembre: la prima rappresenta un omaggio al femminismo attivo delle Pussy Riot, l’altro scatto, il superamento della condizione di donna oggetto.

Le 20 studentesse che hanno posato per il calendario, hanno voluto interpretare donne forti, moderne, coraggiose. #ILCORAGGIOÈDONNA è il titolo scelto per questa edizione del Calendario ma è anche un hashtag con cui gli ideatori del progetto invitano le donne di tutta Italia a raccontare sui social network le loro storie di coraggio. Il calendario non è solo un evento di comunicazione, ma anche un’opportunità concreta di lavoro per le studentesse partecipanti. Contro l’inefficienza degli uffici di job placement delle facoltà italiane, grazie a Optima italia, multiutility leader nel settore della telefonia, gas ed energia elettrica, ha dato la possibilità a tutte le studentesse protagoniste del Progetto di lavorare nel settore Marketing & Comunicazione dell’Azienda.2AAAAA

Autori degli scatti, rilevanti nomi della fotografia locale: Eugenio D’Orio, Carlo William Rossi, Francesca Errichiello, Giuseppe Matarazzo, Salvatore Catapano, Carmine Napolitano e ancora Errico Fabio Russo, Giuseppe Morales, Alessandro Migliardi, Fabio Ionà, Tommy Napolitano, Diana Lauro e Massimiliano Ricci. Il calendario, verrà distribuito gratuitamente, abbinato al freepress “Pocket Magazine” nelle città di Milano, Roma e Napoli. I 12 scatti saranno poi visibili anche sul sito www.ilcalendariodellestudentesse.it.

 

Vuoi commentare l'articolo?

Valentina Evangelista

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->