Uomini e Donne, trono gay: sui social commenti omofobi contro il casting

È ufficiale: il trono gay si farà! Non che ci fossero dubbi, considerando che le decisioni di Queen Mary diventano (quasi) sempre legge – non a caso, appena la Sanguinaria ha scelto di aprire le porte del suo studio televisivo ai tronisti omosessuali, anche quelle dei comuni italiani si sono spalancate per fare spazio alle coppie gay con l’approvazione della nuova legge sulle Unioni Civili (coincidenza o realtà dei fatti?)- eppure finché non è stato scritto nero su bianco sui profili social della trasmissione, gli spettatori non avevano ancora preso consapevolezza di cosa li attendesse in autunno.

Trono gayLa De Filippi l’aveva dichiarato al settimanale Chi già lo scorso 30 marzo, ma sono dovuti trascorrere due mesi esatti da quel fatidico annuncio, prima che sui profili Facebook e Instagram del programma apparisse la prima immagine ufficiale.  La fotografia postata, infatti, raffigura le sagome di tre coppie stilizzate, di cui due omosessuali, con la scritta Love = Love, seguita dalla frase “Sei single o sei attratto da persone del tuo stesso sesso? Se hai un’età compresa tra i 23 e i 35 anni e vuoi partecipare a Uomini e Donne chiama il numero 0637351664”.
L’inizio dei casting è stato quindi ufficializzato nero su bianco, e a quanto pare la rivoluzione del format andrà a colpire solo il trono classico, senza interessare la versione “over”.

La polemica, come era facile immaginare, non ha tardato ad esplodere, seguendo la scia di quanto avvenuto nei mesi passati: sui social gli utenti si sono divisi, e Instagram ha registrato il maggior numero di commenti  – oltre 2200 -, di cui molteplici carichi di sdegno, offese ed insulti. Dal più telegrafico “Che schifo” al velenoso “È stato bello seguire per tutti questi anni Uomini e Donne penso che a questo punto smetterò definitivamente di guardarlo! Pensate intanto a cosa dire ai bambini quanto vedranno scene che per quanto si possa discutere non sono per niente adatte e normali…”, l’omofobia ha dilagato. A distanza di due giorni, il botta e risposta tra chi attacca il trono gay e chi taccia gli utenti intervenuti di essere omofobi e razzisti ancora non si è arrestato, e difficilmente lo farà.

Ciò che più desta scalpore, oltre all’atteggiamento negativo espresso da alcuni utenti – a cui purtroppo ormai ci si è amaramente abituati – è che, stando a queste premesse, per la prima volta una trasmissione condotta da Queen Mary potrebbe rischiare di subire un reale abbassamento degli indici di gradimento con un calo drastico dello share.

Ciò non sembra, però, preoccupare la redazione che da quel primo annuncio non ha mai fatto un passo indietro, nonostante in molti minaccino di non seguire più il programma. Effettivamente, ragionandoci su, la notizia non avrebbe ragione di scuotere eccessivamente la Fascino P.G.T. (la società di produzione di Uomini e Donne di proprietà al 50% della De Filippi) considerando che da anni il pubblico non fa che negare di guardare U&D nonostante i dati d’ascolto del daytime non facciano che smentire quanto dichiarato. Non ci sarebbe quindi da stupirsi se il malcontento manifestato si rivelasse addirittura inversamente proporzionale allo share che verrà registrato. Che la produzione, invece, non ci stia vedendo lungo? Purtroppo, per sapere realmente cosa accadrà nella prossima stagione televisiva della trasmissione, non possiamo che attendere il prossimo autunno. E nel frattempo è caccia ai nuovi tronisti!

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Uomini e Donne: al via i casting per il trono gay

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Vuoi commentare l'articolo?

Beatrice Gentili

Spettatrice compulsiva di serie tv, dopo aver visto 8 puntate di fila, non capisce più quale sia la finzione e quale la realtà. A breve collega di Freud, ama follemente il cibo e la sua famiglia. La sua valvola di sfogo preferita è il clacson della macchina. I biscotti con l'uvetta che sembrano biscotti al cioccolato sono il motivo principale per cui ha problemi di fiducia.