8 marzo, oltre lo spogliarello c’è di più!

Si avvicina l’ 8 marzo, giornata dedicata al genere femminile durante la quale le donne si dividono in tre gruppi: le più libidinose che lasciano a casa i freni inibitori recandosi in locali dove verrà esaltato il concetto di “uomo oggetto”, quelle che credono fermamente in questa ricorrenza come rivendicazione dei propri diritti conquistati a fatica nel corso della storia, e quelle che trovano questa giornata una mera speculazione commerciale che ha ben poco a che fare con le serie argomentazioni che da anni vengono portate avanti. Nonostante le divisioni ideologiche, questa ricorrenza ha tanto da offrire al gentil sesso, infatti oltre agli spogliarelli c’è molto di più! Basti pensare all’iniziativa lanciata dal Ministro Franceschini che quel giorno renderà gratuito l’ingresso ai musei per tutte le donne.

Prima di vedere alcuni tra gli eventi in programma per questa ricorrenza è doveroso fare una precisazione: l’origine della Giornata Internazionale della Donna è spesso erroneamente collegata ad una tragedia accaduta nel 1908, durante la quale le operaie di un’industria tessile di New York morirono in un incendio. In realtà non c’è alcun documento ufficiale che dimostri la veridicità di questo avvenimento e la Giornata è stata istituita nell’ambito del Partito Socialista. Nel corso degli anni, il movimento per la rivendicazione dei diritti delle donne si è diffuso in tutto il mondo; nel 1944 a Roma è stato istituito l’UDI – Unione Donne Italiane – e la celebre mimosa è stata scelta come simbolo della festa delle donne nel 1946. Gli eventi in programma per festeggiare al meglio questa ricorrenza sono diversi e soprattutto per tutti i gusti; ve ne indichiamo alcuni nel caso non aveste idee su cosa fare quel giorno.

eventi 8 marzo RomaPresso la Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea sarà presentato il volume Il femminismo a Roma negli anni settanta – Percorsi, esperienze e memorie dei collettivi di quartiere di Paola Stelliferi. La voce del femminismo italiano si è fatta sentire proprio negli anni ’70 e il volume di Paola Stelliferi ripercorre la storia che lo ha visto diventare un vero e proprio movimento di massa capace di innescare piccole rivoluzioni. Al Museo Nazionale Preistorico ed Etnografico le donne potranno usufruire gratuitamente della visita guidata alla mostra Preistorie di donne, un tuffo nel passato attraverso gli oggetti che raccontano la quotidianità femminile e le sue rappresentazioni nell’antichità. Per chi ama il cinema, nella Biblioteca Nazionale Centrale di Roma martedì 8 marzo alle 10:30 avrà luogo una rassegna cinematografica con Cecilia Mangini, prima donna a girare dei documentari nel dopoguerra. Verranno proiettati: Ignoti alla città (1958, 11′), Stendalì – Suonano ancora (1960, 11′) e La canta delle marane (1961, 10′). Per chi volesse un evento meno “sedentario”, l’Associazione Culturale “l’Asino d’Oro” ha organizzato una passeggiata per le vie di Roma: l’appuntamento è alle 19:30 a Piazza Farnese e si camminerà fino a Piazza San Marco. Oltre alle vie della Capitale, le protagoniste di quest’evento saranno le donne di potere che hanno fatto la storia di Roma.

Per restare in tema di cinema, al Teatro di Villa Torlonia verrà reso omaggio a Lina Wertmüller, prima donna al mondo ad aver ricevuto una nomination agli Oscar per la regia di Pasqualino Settebellezze. Verranno ripercorse la vita e le opere della regista attraverso il docu-film Dietro gli occhiali bianchi di Valerio Ruiz che sarà presente durante l’evento insieme alla Wertmüller. Presso la Casa della Partecipazione a Maccarese l’Associazione “l’Albero” proietterà il film Con quella faccia da straniera – Il viaggio di Maria Occhipinti. La protagonista del film è stata la leader del movimento antimilitarista che in diverse occasioni ha dimostrato grande tenacia e coraggio; la proiezione ad ingresso libero inizierà alle 20:30 e sarà preceduta da un buffet.

Per chi ha voglia di scatenarsi a ritmo di musica il ristorante Platinum ha organizzato uno show di Capoeira, mentre al De Gustibus ci sarà un aperitivo con l’intervento della psicologa Rossella Corea che aprirà un dibattito sulla comunicazione nelle relazioni familiari e professionali. L’Ospedale San Carlo di Nancy per la Festa della Donna regala a tutte un controllo gratuito contro l’osteoporosi. L’iniziativa è organizzata da GVM Care & Research; sarà possibile effettuare lo screening gratuito presso 18 strutture dislocate in 6 regioni l’8 marzo dalle 10:00 alle 17:30 (Ecco l’elenco delle strutture aderenti all’iniziativa).

Dagli eventi culturali ai buffet o aperitivi a tema, l’8 marzo offre diverse occasioni per celebrare la donna e, se proprio non volete festeggiare, basta rispettare i diritti di ogni essere umano ogni giorno, perché, uomini o donne, facciamo tutti parte della stessa specie.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

Twitter: @amiraabdel13

Vuoi commentare l'articolo?

Amira Abdel Shahid Ahmed Ibrahim

Amira Abd El Shahid Ahmed Ibrahim è nata a Roma, nonostante il nome che sembra uscito da un documentario di Super Quark e il cognome così lungo da convincere il funzionario dell’anagrafe a cambiare mestiere il giorno in cui è venuta alla luce possano depistare circa il suo luogo di nascita. Nata sotto il segno dei pesci è una meticcia: metà del sangue che le scorre nelle vene è arabo. Condivide la sua dimora con due gatti grassi, predilige alla maggior parte delle persone i quadrupedi che non hanno il dono della parola, ma all’occorrenza si adatta a interagire con il genere umano. Dopo la cucina, arte nella quale si diletta spesso per rendere chi la circonda una persona più felice e formosa (perché grasso è bello o perlomeno simpatico) e l’arricciarsi i capelli, Amira ha anche degli hobbies che implicano l’uso del suo quoziente intellettivo come: leggere e scrivere. Due funzioni di elementare apprendimento che lei svolge con grande passione. Collabora con il quotidiano on-line Lineadiretta24 nella sezione Gossip e Tv dal novembre 2013. Caporedattrice della rubrica di viaggi dal 2016. Leggermente sindacalista dentro odia le ingiustizie che “affollano” il pianeta. Conta di cambiare il mondo un giorno, o di conquistarlo.