Il segreto di un vero squalo? Studiare gli avversari al tavolo