SebastianO, quando il linguaggio cinematografico abbraccia l’Arte