Miwa Sado, altra vittima del ‘carico eccessivo di lavoro’