Influencer pagati dalle produzioni televisive: uno scandalo che non c’è