Referendum: la finanza si schiera con il sì