“La signora del quinto piano” e la violenza sulle donne