“Penso che il gioco sia il terreno principe su cui l’individuo si forma e si misura”. Al Centrale Preneste va in scena La luna per mano