Bidoni romanisti. Dal nuovo Ronaldo a l’imperatore