Volley World Grand Prix : la Cina batte l’Italia 3 a 1

Ormai al termine la prima fase del World Gran Prix di volley, saranno soltanto sei la nazionali a passare e giocarsi le Final Six dal 22 al 26 luglio nel Nebraska, domani è il giorno della verità, dentro o fuori.

Dopo l’avvincente partita di ieri contro il Giappone, terminata 3 a 2 per le nostre azzurre, oggi provano a replicare l’impresa, ma dall’altra parte della rete l’Italia trova l’armata cinese, gli occhi a mandorla sono vice campioni del mondo e tengono alta la loro bandiera.

Una gara davvero importante, quella tra Cina e Italia, inevitabile l’amarezza del ricordo per la fase 2 dei mondiali 2014, dove il sestetto tricolore sconfisse la Cina per 3 a 1, risultato esattamente capovolto nella semifinale che vide l’Italia uscire con tanta rabbia e delusione.

Grande desiderio di rivalsa, e forte è la speranza di poter assaporare il gusto del riscatto ma non basta, quelle di Bonitta combattono come meglio possono ma la superiorità delle avversarie è evidente e a tratti invadente.

Qualche novità per la formazione nostrana: di nuovo in campo la Diouf sulla Sorokaite, Chirichella cede il suo centro alla Giuggi e arriva anche l’esordio in questo World Grand Prix per il martello Tirozzi, per il resto, regia affidata sempre alla giovane Malinov che può contare sull’attacco di capitan Arrighetti e della Bosetti più piccola, dietro, a difendere le righe, super Moky De Gennaro.

L’Italia ben comincia ma le asiatiche invertono subito la marcia e stabiliscono un bel gap che seppur parzialmente recuperato dal servizio della Bosetti che conta ben tre ace, conduce fino al 25-21.

Il secondo set è corona di alloro per le italiane, grandi attacchi delle bande e belle pipe della Diouf, si apre il muro cinese, l’ingresso della Sylla, più grintosa che mai sigilla il vantaggio azzurro per 25-20.

La Cina torna in campo caricata a pallettoni e sfruttando il calo delle nostre, sfoggia la fuga con il suo centrale onnipresente; troppi errori, l’Italia crolla sul parziale di 25-16.

Il quarto set vede la nazionale di lady Jenny Lang Ping in netta superiorità, fortunatamente un’impennata di orgoglio nostrano ci evita la brutta figura, sfioriamo i venti punti, il match si chiude sul punteggio di 25-19 .
La Cina conferma il suo quinto successo consecutivo, riconoscendoci, quantomeno la gloria per l’unico set perso da inizio Grand Prix.

Domani ultima gara prima del verdetto finale, il team di Bonitta incontra la Repubblica Domenicana, appuntamento per la diretta alle 8.00 su Gazzetta Tv, canale 59 del digitale terrestre.

Tutto è ancora possibile.

Vuoi commentare l'articolo?

melania fusco

Classe 1982, romana e romanista doc, "fresco" avvocato con la grande passione per la scrittura e l'animo umano. "La penna è il mio pennello e realizzerò grandi opere di libertà".