GP Qatar: in pole position l’inarrestabile Vinales

Vinales partirà in pole position nel Gran Premio del Qatar di domani sera, prima prova della stagione del motomondiale. Le qualifiche sono state annullate a causa dell’acqua stagnante sulla pista, creata dalla pioggia caduta durante la mattina. Nonostante il temporale si sia fermato prima dell’orario di inizio delle prove, il terreno non è riuscito a drenare l’acqua, per cui si sono formate delle pozze e molti rivoli lungo il circuito.
Annullate le qualifiche, per stabilire la griglia di partenza, si è deciso di tenere fermi i tempi della terza sessione di prove libere, i quali sono una fotografia abbastanza fedele di quanto si è visto non solo nei due giorni di prove, ma anche durante tutti i test ufficiali dell’inverno.

In prima fila Maverick Vinales parte in pole position, seguito da Iannone e Marquez, in seconda fila col quarto tempo un sorprendente Johan Zarco poi Andrea Dovizioso e Scott Redding. In terza fila Dani Pedrosa, Jonas Folger e Cal Crutchlow, in quarta fila Valentino Rossi, Danilo Petrucci e Jorge Lorenzo. Così si presenteranno in griglia di partenza i più titolati e come detto questo è lo specchio di quanto visto soprattutto nei test di Sepang, Phillip Island e Losail e nei due giorni di prove in occasione di questo tormentato GP di Qatar.

Partiamo da casa Yamaha che con Maverick Vinales ha dominato i test invernali e in modo ancora più netto le prove di questi giorni. In Qatar il Vinales che abbiamo visto sembra di un altro pianeta: con qualsiasi tipo di pneumatico e con qualsiasi tipo di temperatura non ha solo fatto registrare i tempi migliori ma ha anche mostrato un passo gara che gli altri si sognano. A partire da Rossi che non riesce ad avere feeling con la moto e si ritrova a partire dalla decima posizione.

I problemi che aveva fatto vedere nella prima sessione di prove sono sembrati in parte risolti nella seconda, poi però nella terza Valentino è tornato a zoppicare. A sorprendere sono stati i due esordienti della categoria ingaggiati dal team Yamaha Tech 3: Folger e Zarco. I due giovani si sono comportati molto bene in prova, rimanendo sempre nelle prime dieci posizioni e costantemente davanti al ben più blasonato compagno di squadra. Questi due sono capaci di fare davvero bene, soprattutto considerati i problemi che normalmente hanno gli esordienti nella massima categoria.

Veniamo alla Honda che viaggia su ottimi tempi. Marquez è quello che meglio ha fatto in media escludendo Vinales, che diventa perciò il suo problema più grande. Marquez intervistato ha detto che lotterà per il podio e non per la vittoria, ma fino a prova contraria l’uomo da battere è proprio lui. Anche Pedrosa ha mantenuto, tra alti e bassi, tempi sempre competitivi.

Cosa succede in casa Ducati? Per quanto riguarda la casa di Borgo Panigale le cose vanno così: Dovizioso va bene, come l’anno scorso, senza primeggiare ma andando davvero forte e per lui le cose si mettono mica male dato che avversari come Rossi e Lorenzo arrancano e di Iannone poco si capisce. Insomma, Dovizioso sembra poter essere molto affidabile. Non così appare Jorge Lorenzo, capace di giri anche molto veloci ma sempre in affanno, e raramente tra i primi della classe. Per lui ci sarà da lavorare molto e chissà con quali risultati, per il momento rimane un’incognita. Incognita anche Iannone che con la sua Suzuki fa cose magistrali ma è capace pure di perdersi per strada. Durante questo week end ha costantemente sofferto ma poi, grazie a un cambio pneumatici con cui ha ritrovato le giuste sensazioni, ha messo giù un signor tempo che lo fa partire alle spalle del solo Vinales.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Corrado