Un nipponico conquista Barcellona

Gli ultimi vincitori sono stati rigorosamente iberici: Robredo, Verdasco Moya e sopratutto Nadal. L’ultimo winner non spagnolo fu Albert Costa nel 1997 quando ancora il torneo si giocava al meglio di 5 set. Il 2014 vuole  che si assegni il trofeo o al colombiano Santiago Giraldo o al giapponese Kei Nishikori. Il migliore è stato il nipponico che in due set e in solo 1 ora e 14 minuti si è liberato dell’avversario.I pronostici e i precedenti  non davano scampo: è la seconda volta che si affrontavano su terra rossa, la prima volta fu al primo turno del Roland Garros di 4 anni fa, partita controversa e interminabile dove Nishikori si aggiudicò il tie break del terzo, dopo esser sotto 2 a 0, e poi continuò il cammino. Su altre superfici il campo dice comunque Nishikori , 6 volte trionfatore su Giraldo in carriera, il colombiano ebbe la meglio solo 2 anni fa a Indian Wells.{ads1} Break in apertura per Santiago Giraldo, di certo l’outsider più inaspettato che è riuscito a imporre il suo gioco su tennisti importanti, e si era meritato la noina di eroe della settimana perchè protagonista dell’impresa del week, quella di aver battuto Rafa Nadal. Nishikori, che pure ha battuto avversari di calibro per approdare a questa finale (come il lettone Ernest Gulbis, numero 23 del ranking Atp 9 del tabellone), ha reagito e ribaltato la partenza lampo di Giraldo. Reazione e recupero immediato con controbreak.

 

Da 0-2 a 3-2: un classico punto discusso durante il 3 gioco fra l’arbitro Mohamed Lahyani e Giraldo ha, forse, spezzato e invertito l’inerzia della partita in favore del giapponese che pur continuando ad essere abbastanza falloso è riuscito a portare a casa il primo set con score di 6-2. Dopo i primi 3 game l’assolo del numero 17 del mondo è durato ben 36 minuti. Altro break immediato e con 8 game a 0 il parziale è diventato netto e così anche l’andamento del match. Obiettivo del nipponico ora 17 dell’Atp è di entrare fra i primi 10, al massimo era riuscito a toccare la scorsa estate la posizione numero 11. Alla fine Giraldo scofortato ha sbagliato di tutto sia in risposta che al servizio: 5 doppi falli in soli 2 set hanno certamente pesato e sono stati il segnale manifesto della resa. Il colombiano ha fatto vedere belle cose solo sotto 5 a 1 sul suo turno di battuta, subito dopo sono arrivati 3 match point, al terzo ha concretizzato e chiuso l’incontro con un doppio 6-2. Un incotro che in realtà è durato in tutto 10 minuti, senza i big ha davvero deluso la qualità del tennis visto.

Primo titolo in carriera in Europa per Nishikori, si è rifatto di un occasione che sprecò a Basilea contro Roger Federer dopo aver eliminato Novak Djokovic in semifinale. Non una bella finale, dunque a Barcellona, scambi lunghi da fondo con qualche bella accelerazione, ma tantissimi errori e poca verve. Un grande applauso se lo merita il vincitore che sta facendo bene e che davanti agli occhi di Chang si è conquistato un posto fra gli avversari pericolosi che è meglio nn incontrare in tabellone.

 

 

 

 

 

Vuoi commentare l'articolo?

Daniela Lazzari

Giornalista per sport’ nel senso letterale, ma anche metaforico del termine… Da diversi anni si aggira nei meandri della redazione per infastidire colleghi e mettere a disagio i lettori. Ci sta riuscendo alla grande. Questo la spinge a proseguire e a perseverare con devozione nel suo lavoro. Interessi? Tanti. Se fai molte cose, si sa, finisci per farne bene poche. Forse blaterare on line di sport e tutto il resto è una di quelle poche. Difetti? Troppi. Pregi? Non troppi. Diceva il buon vecchio Einstein : “Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo”. Il fatto che stiate ancora leggendo queste righe ha un ‘non so che’ di miracoloso…

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->