Troppa Siena per la Virtus

Gli ospiti infatti partono forte guidati dai canestri di Bobby Brown, ma il solito cuore della Virtus permette agli uomini di Calvani di recuperare e di passare avanti sul 24-22. La partita diventa molto equilibrata, Hackett per Siena è in gran forma, Goss per Roma segna una tripla che vale il meno due sulla sirena del primo tempo.

Fatica a esprimersi Datome, limitato da un Moss in versione miglior difensore del campionato. L’ex Teramo e Bologna poi non è solo fase difensiva, anche dall’arco risulta un elemento assolutamente letale, suoi canestri fondamentali dalla lunga distanza a sancire l’allungo senese, insieme a quelli di Bobby Brown, Kangur, Ress e Hackett.

La Virtus abbozza una reazione, ma qualche errore banale e qualche palla persa in malo modo (soprattutto un fallo inutile di Bobby Jones a due minuti dal termine che vanifica il canestro di Goss) sposta definitivamente l’inerzia a favore di Siena, che chiude agevolmente sul più nove finale.

Grande dimostrazione di forza per i ragazzi di coach Banchi, che passano subito al comando nella serie.

Siena globalmente appare più forte, esperta e fresca di Roma. Mai sottovalutare però il cuore dei ragazzi della Virtus, che ormai da un anno stupiscono tutta Italia. Certo è che se Siena è quella di stasera, vincerne quattro delle prossime sei sarà una vera impresa.

Vuoi commentare l'articolo?

Alessandro Paparella

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->