SuperG Santa Caterina: vince Jansrud

Kietil Jansrud stravince il superG di Santa Caterina, staccando di 60 centesimi l’immortale Reichelt finito immediatamente alle sue spalle, terzo il nostro Dominik Paris. Questo il podio della gara di ieri. Una gara dura, su una pista difficile come la Deborah Compagnoni con una tracciatura che l’ha resa ancora più complicata. Non è un caso se il podio è occupato da grandissimi velocisti. Jansrud però la sta facendo da padrone essendosi assicurato la terza vittoria in altrettante gare della disciplina. Se consideriamo che in totale i superG ancora da disputare sono tre, allora Jansrud ha già messo una serissima ipoteca sulla coppa di specialità. Ne guida la classifica con 300 punti tondi tondi, staccando alla grande l’azzurro Paris che di punti ne ha la metà (precisamente 152) che peraltro pochi non sono. Insomma Jansrud domina nella velocità e si candida ancora una volta come anti Hirscher per la stagione in corso. L’austriaco dal canto suo ha provato a gareggiare anche ieri, visto che nella disciplina in questione ha spesso raccolto punti pesantissimi. La Deborah Compagnoni di Santa Caterina però non ha fatto sconti e il buon Hirscher è finito quarantasettesimo. Non è sempre festa insomma.

Ai piedi del podio ancora Norvegia con Kilde, poi da sottolineare la prova del tedesco Ferstl finito quinto parimerito con l’austriaco Franz. Gli altri italiani così così, luci e ombre. Non male il diciassettesimo tempo di De Aliprandini, un po’ deludente il diciottesimo di Innerhofer che al traguardo si interrogava platealmente sul perché della prestazione non brillante. Bene poi Guglielmo Bosca, classe 1993 che per la prima volta va a punti alla settima gara in carriera, un risultato incoraggiante insomma. Più indietro ancora i giovani della squadra come Casse (35o), Tonetti (52o) e Buzzi (53o). Giornata nerissima per Peter Fill finito quarantaduesimo.

Stamattina alle ore 11:45 sempre da Santa Caterina partirà la discesa libera che sulla Deborah Compagnoni promette spettacolo. Jansrud sarà costretto a fare un risultato notevole se vuole avvicinarsi a Hirscher in classifica. Attualmente l’austriaco ha ben 633 punti mentre il norvegese è a quota 482. Oggi Hirscher non è atteso al cancelletto di partenza quindi Jansrud ha un’occasione d’oro davanti a sé. Anche gli italiani però sono attesi a partire da Paris e Fill, mentre le condizioni fisiche precarie potrebbero condizionare ancora Innerhofer.

Vai alla home page di LineaDiretta24

Leggi altri articoli dello stesso autore

@FRANCESCORRAD0

Vuoi commentare l'articolo?

Francesco Corrado