Serie B, Play Offs: Bologna sparagnino ad un passo dalla promozione

Doveva essere una sfida speciale in questa primo round della finale Play Offs del campionato cadetto, invece si torna a casa con un risultato ancora in bilico, ma leggermente a favore del Bologna. Nel ritorno tutto sta nelle mani del Pescara, che dovrà fare sul serio e andarsi a prendere questa massima serie.

Questa prima parte della finale ci ha deluso e non poco. Speravamo in qualche gol, emozioni e colpi di scena, invece risulta solo un nulla di fatto. Però sicuramente abbiamo le idee più chiari. Ormai siamo sicuri, il Pescara può impensierire e non poco la corazzata Bologna. Nella serata di ieri il club rossoblu ci ha provato in tutti i modi, ma la retroguardia abruzzese ha bloccato tutti gli attacchi. Però per poter conquistare la promozione in Serie A bisogna segnare, ed i biancocelesti hanno sprecato troppo là davanti. Alla fine questa bilancia di pro e contro va a favore dei Felsinei, che con questo pareggio senza reti aumentano ancor di più le speranze per trovare la massima serie.

 

L’allenatore del delfino e vecchia conoscenza del calcio, Massimo Oddo, l’aveva detto nel modo più chiaro possibile “non scendiamo in campo per fare un gol, ma per vincere 3-0 contro il Bologna”. Voleva la vittoria, perché conosce molto bene il calcio. Con un risultato di questo genere, e soprattutto per la dura trasferta che dovranno affrontare le possibilità di promozione diminuiscono notevolmente. E non è tutto, questo nuovo regolamento nel mini-torneo dei Play Offs, va a vantaggio solo dei rossoblu che hanno chiuso il loro campionato regolamentare in quarta posizione e possono permettersi anche di non dare il massimo poichè hanno due risultati su tre.

Quindi il mister del team emiliano, Delio Rossi riesce ben bene ad incartare, come un bel regalo natalizio, Oddo e tutto il Pescara, trovandosi così ad un passo dalla Serie A. Però conosciamo bene il Bologna degli ultimi tempi, che alterna grandi con mediocri prestazione. Gli abruzzesi possono aggrapparsi solo a questo e sanno molto bene, che dovranno entrare allo stadio Renato Dall’Ara e non solo distruggere il gioco della squadra di casa, ma trovare anche delle reti. Chissà se alla fine dei giochi, l’allenatore del club abruzzese Massimo Oddo riuscirà a beffare il suo vecchio maestro ai tempi della Lazio, Delio Rossi, e finalmente dopo qualche stagione regalare la massima serie a tutto il popolo biancoceleste.

Vuoi commentare l'articolo?

Daniele Giacinti