Serie A: turno di grandi sfide

Senza il supporto dei sostenitori più calorosi, chiusi per cori di discriminazione territoriale i settori curva sud, distinti sud e curva nord, la Roma ospita un’Inter ancora alla ricerca di una precisa identità. I giallorossi vogliono bissare il successo dell’andata quando, al termine di una prestazione perfetta, s’imposero 3 a 0 al Meazza. Emergenza parzialmente rientrata per Garcia che può contare sui pieni recuperi di Torosidis, Pjanic, Florenzi e Gervinho, ancora indisponibili Totti, Maicon, Dodò e Balzaretti. Nessun problema di formazione invece per Mazzarri che recupera Hernanes e lancia dal primo minuto D’Ambrosio a centrocampo e Icardi in attacco.

 

Domenica in programma sei partite. Si parte alle 12.30 con Cagliari-Udinese. Reduci da un pareggio, entrambe le squadre cercano continuità di risultati per avvicinarsi all’obiettivo salvezza. Conti ed Ekdal da una parte, Domizzi dall’altra, le assenze più importanti.{ads1} Alle ore 15.00 si prospetta interessante il confronto tra Torino e Sampdoria: i granata proveranno a riversare sul campo la rabbia per il mancato rigore concesso nel derby, i blucerchiati desiderosi di riscattare le due sconfitte consecutive contro Roma e Milan. Si avvicinano i mesi caldi e ci sono da stabilire le gerarchie nella parte bassa della graduatoria. Le ultime cinque della classifica sono impegnate in confronti ostici. Il fanalino di coda Sassuolo ospita un Parma alla ricerca di punti per l’Europa e apparso in grandi condizioni psico-fisiche contro la Fiorentina. Catania, Bologna e Chievo, senza rilevanti problemi di formazione, devono cercare di far punti nelle trasferte contro Genoa, Verona e Atalanta.

                                                           

Alle 18.30 sfida proibitiva per il Livorno di scena al “Picchi” contro il Napoli. Nonostante il dispendioso impegno in Europa League, appare difficile che la formazione di Benitez possa perdere altri punti per strada dopo il pari interno con il Genoa.

Alle 20.45 gli altri match-clou della giornata. A San Siro Milan e Juventus si trovano di fronte per l’83.ma volta nella storia. Le fatiche di coppa potrebbero pesare nelle gambe dei bianconeri, ma l’intensità che la squadra di Conte sa mettere in campo durante le sfide decisive è unica in Italia. Clarence Seedorf si aggrappa al possibile rientro di Mario Balotelli, all’ottimo stato di forma di Adel Taarabt e spera in un risultato positivo per avvicinare ulteriormente la zona Europa League distante quattro punti. La terza sfida rilevante riguarda Fiorentina e Lazio: i viola credono nella rincorsa al terzo posto, ma sul loro cammino ci sono i biancocelesti arrabbiati dopo la clamorosa eliminazione dall’Europa e in piena turbolenza societaria. Basterà la voglia di riscatto di Stefano Mauri e compagni a fermare l’entusiasmo gigliato anche per il ritorno di Mario Gomez ? spetterà come sempre al campo l’ardua sentenza

Vuoi commentare l'articolo?

Federico Falsetto

0 Commentsprova

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Only registered users can comment.

-->